sabato 23 marzo 2019
di Redazione   
lettura: 2 minuti
dom 6 mag 2018 10:47 ~ ultimo agg. 7 mag 02:39
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

Partono in Valmarecchia i “Progetti del Cuore”, per garantire il servizio di trasporto sociale gratuito ai ragazzi, i disabili, gli anziani e alle famiglie in difficoltà. Il progetto prevede la realizzazione di un mezzo di trasporto, un Fiat Doblò, completamente attrezzato per lo spostamento dei ragazzi in difficoltà, delle famiglie e delle persone diversamente abili del territorio. L’automezzo sarà a disposizione dell’Associazione Sos Taxi.

Avere un mezzo attrezzato per il trasporto di chi è in difficoltà è uno strumento eccezionale – specifica Gabriella Moretti Presidente di Sos Taxi – che ci permette di dare risposta alle nostre tante esigenze: serve innanzitutto per assicurare il trasporto dei disabili per le attività giornaliere. Il mezzo che avremo girerà sul comune e nei territori limitrofi ogni giorno e darà un aiuto grande e gratuito alla logistica dei nostri trasporti”. “Avere un mezzo attrezzato che permetta di portarli in giro – conclude la Moretti – ci consente di andare incontro alle esigenze di tutti. Alle volte avere una disabilità diventa sinonimo di difficoltà di inserimento nella via quotidiana, grazie a progetti come questi e al volontariato si crea una rete di inclusione di cui giova tutto il nostro territorio. Ognuno di noi può avere bisogno in qualsiasi momento: è bello sapere che intorno a noi c’è chi ci sostiene”.

A sostenere il progetto anche Annalisa Minetti, che presenta l’iniziativa nell’ambito dei “Progetti del Cuore”: “La mia esperienza personale mi ha resa particolarmente sensibile a tutte le iniziative con cui si cerca di migliorare la vita dei cittadini diversamente abili, al punto di avermi guidato verso i “Progetti del Cuore” come quello che si sta portando avanti a Valmarecchia: la vocazione di questa iniziativa è di contribuire a risolvere il problema, sempre più stringente per l’Amministrazione pubblica e per le associazioni di volontariato, della destinazione di fondi per l’acquisto di mezzi da trasformare e adibire al trasporto dei cittadini con disabilità o ridotta capacità motoria”.
Sarà proprio grazie alla partecipazione della attività locali che potrà essere garantito il servizio. Potranno infatti trasferire sul proprio marchio il valore aggiunto di questo impegno, ricevendo in cambio un riconoscimento da parte della comunità. Proprio in questi giorni la società incaricata “Progetti di Utilità Sociale” si occuperà di informare i titolari della attività economiche sulle caratteristiche dell’iniziativa.

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini
di Sabrina Campanella
Come se fosse facile

Lazzaro!

di Redazione
Notizie correlate
di Simona Mulazzani
FOTO
Presentazione del libro

I primi 40 anni di Caritas

di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna