Basket Rimini, la dichiarazione dell’assessore Brasini dopo il j’accuse di Capicchioni

brasini

in foto: Gian Luca Brasini e Alex Righetti, l'ultimo campione uscito dal Basket Rimini

Basket Rimini. Arriva la replica dell’assessore allo Sport, Gian Luca Brasini dopo l’intervista rilasciata da Luciano Capicchioni al Resto del Carlino e apparsa nell’edizione di oggi. Nell’intervista Capicchioni dichiarava “A Rimini ho perso tempo, ho sbagliato città. Credevo potesse essere come Miami, pensavo fosse più aperta, invece c’è una mentalità negativa. Sono invidiosi“. E ancora: “alla realtà riminese non piaccio. Ho chiesto più volte di poter parlare con il sindaco, ma non sono stato considerato“. Dice che è finito il suo compito di traghettatore: “Sono contento di lasciare una società che non ha debiti, mentre nel 2011, quando la presi in mano c’era un buco di 1,3 milioni di euro“. E infine: “Credo che la squadra sarà ripescata , ma io al palasport Flaminio non verrò mai più“.

Di seguito la risposta di Brasini

“La sola cosa che importa è salvare e rilanciare la pallacanestro riminese. Per questo non è produttivo rispondere punto per punto allo j’accuse nei confronti di tutto e tutti (in primis Rimini) da parte di Luciano Capicchioni. Mi limito a sottolineare senza spirito polemico, come già ho avuto modo di ribadire nel corso di questi anni, alcune criticità della gestione Capicchioni: l’aver rinunciato consapevolmente ai circa 10 impianti in cui si allenavano le formazioni del settore giovanile; lo stato precario e degradato in cui versava la palestra Carim, costringendo il Comune a riprenderne la gestione e procedere alla riqualificazione; i tanti progetti e altrettanti incontri, spesso al di fuori del basket, ai quali in diversi casi ho partecipato io insieme al sindaco Gnassi, in cui Capicchioni avanzava proposte le più eterogenee (russi che volevano acquisire lo Sport Village, azioni promozionali in Cina, feste dell’amicizia con i russi, tornei internazionali di tennis) per poi perdersi invariabilmente nel porto delle nebbie.

Ma non è questo che importa oggi visto che, in definitiva, la pallacanestro riminese qualcosa, e di non secondario, deve a Luciano: l’aver rilevato una società di fatto fallita dopo la ‘sola’ di Riviera Solare, permettendo la sopravvivenza del basket in città. Da quel momento di errori ne sono stati fatti tanti ma adesso, a prescindere da un risultato sportivo deludente, vanno sanati.

L’errore più grande è la divisione e lo sfrangiamento del settore giovanile, dovuto al peccato originale di non rinnovare la gestione di dieci campi di allenamento, che ha avuto come effetto la dissoluzione di quell’osmosi tra settore giovanile e prima squadra che è da sempre il ‘primo cent’ della fortuna della pallacanestro riminese.

Bisogna ripartire da qui, rimettere assieme i cocci, interrompere quella diaspora che negli ultimi anni ha fatto sì che i talenti riminesi si disperdessero in mille squadre in giro per l’Italia, non avendo più nel Basket Rimini il loro naturale approdo. L’esempio del calcio biancorosso è in questo caso calzante: la rinascita nel 2016 è partita da un progetto sportivo fondato sul settore giovanile, che ha dato credibilità, energia, entusiasmo a tutto l’ambiente, compresa la prima squadra.

Su Capicchioni mi permetto di aggiungere questo. Non va sicuramente criminalizzato perché ha raccolto il nostro basket in un momento di enorme difficoltà, ma allo stesso tempo sono da respingere al mittente le sue accuse di ‘invidia’ o di ‘menefreghismo e ingratitudine’ visto che lui stesso ha fatto pochi, pochissimi passi per entrare in sintonia con la città. Legittimo che qualcuno si faccia avanti, ieri come oggi, per rilevarne la gestione. Ma come Amministrazione Comunale mettiamo bene in chiaro una cosa: se un soggetto o più soggetti dovessero lanciasse un’Opa sul Basket Rimini, chiediamo che ciò avvenga in totale trasparenza e senza angoli bui. Se ciò dovesse avvenire, il Comune di Rimini potrebbe fare da garante per tutelare la linearità dell’eventuale percorso. Vedremo nei prossimi giorni e nelle prossime settimane ma l’obiettivo primario, ripeto, resta il settore giovanile”.

Icaro Sport

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454