13 novembre 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

Strade provinciali e maltempo, si interviene ma le risorse sono parziali

ProvinciaViabilità

21 marzo 2018, 11:22

mette Rimini al quinto posto della classifica delle città più visitate e meglio recensite d’Italia, dopo Roma, Firenze, Venezia, Sorrento e prima di Milano, che figura al sesto posto. La classifica dei Travelers’ Choice Destination, gli Oscar dei viaggi della community di Tripadvisor, è stata stilata utilizzando un algoritmo basato sulla quantità e sulla qualità delle recensioni e dei punteggi raccolti dagli hotel, dalle attrazioni e dai ristoranti di ogni singola città negli ultimi 12 mesi, incrociando poi l’interesse dei turisti verso le prenotazioni su TripAdvisor in queste destinazioni. Una buona notizia per Rimini, che arriva alla vigilia della Pasqua, primo banco di prova per chi organizza viaggi fuori porta o brevi soggiorni nelle città più ‘gettonate’ d’Italia. Nella classifica, tra le mete italiane vincitrici dei premio, figura al nono posto un’altra località dell’Emilia Romagna, Cervia. Comparando i prezzi della piattaforma di recensioni emerge che i mesi di aprile e maggio sono anche quelli più convenienti: ad aprile i viaggiatori possono risparmiare in media il 28% a Sorrento, il 26% a Rimini e il 32% nella carissima Positano. Per fare il punto sulle opportunità per arrivare pronti alla stagione 2018, ormai ai nastri di partenza, si terrà domani, giovedì 22 marzo, al Palacongressi di Rimini ‘Operazione Incoming’ l’annuale giornata formativa e informativa organizzata da Rimini Reservation e Comune di Rimini, in collaborazione con AIA e Promozione Alberghiera. Si parlerà di Rimini come destinazione turistica, fra turismo dell’esperienza, innovazione del prodotto e opportunità di sviluppo, eventi e nuove sfide del turismo. Focus della giornata: le esperienze e i percorsi che si possono fare in una città che riparte dalla sua storia per costruire il suo futuro. “E’ una nuova conferma della attrattività della nostra città – commenta il Sindaco Andrea Gnassi. Oltre ai numeri, c’è una percezione e una ‘predisposizione’ positiva sempre più diffusa verso Rimini, che vogliamo incrementare con la riqualificazione dell’area storica e culturale della città e quella del waterfront che, unito al lavoro che stiamo portando avanti sul fronte ‘immateriale' degli eventi, itinerari e proposte esperienziali, contribuisce a rendere la nostra destinazione ancor più competitiva e desiderata’”

in foto: repertorio

Mentre è in esaurimento il colpo di coda dell’inverno delle ultime ore, sulle condizioni dei 480Km di strade provinciali interviene il Vicepresidente della Provincia di Rimini con delega alla viabilità, Riziero Santi:

“Se persiste ancora lo stato di emergenza, l’attenzione e l’impegno ad ogni livello fanno intravedere la luce oltre il tunnel. La Provincia, dopo gli anni bui, sta recuperando progressivamente una certa capacità di spesa e di programmazione, grazie ad un’azione sinergica con la Regione e il Governo, con interventi di razionalizzazione della spesa a livello locale e di nuove risorse assegnate, sia dal livello regionale che da quello nazionale. Dopo qualche anno di quasi azzeramento della spesa nella manutenzione delle strade provinciali, nel 2018 si è registrato rispetto al 2017 un incremento di oltre due milioni di euro nelle risorse disponibili, passando da 540.000 euro a 2.850.000, mentre nel 2019 e nel 2020 il contributo statale salirà da 850.000 euro a 2.125.000 euro. Nonostante ciò, la situazione resta difficile poiché il fabbisogno per sistemare i 480km di strade provinciali è quantificato in 10 milioni di euro. Inoltre le frequenti avversità atmosferiche tendono a peggiorare progressivamente le condizioni delle strade, sia da un punto di vista strutturale che manutentivo. Gli ultimi episodi di quest’anno hanno bruciato praticamente tutto il budget annuale: 650.000 euro per rimuovere neve e gelo, 900.000 euro necessari per la manutenzione e i ripristini, 150.000 euro per chiudere, temporaneamente, le oltre mille buche che si sono prodotte. Le risorse di quest’anno non sono affatto sufficienti per rispondere alle emergenze che si sono determinate: frane, tappetini, buche, ammaloramenti. Tolti i due milioni di euro assegnati alla manutenzione ordinaria, nel 2018 rimangono a disposizione 850mila euro per la manutenzione straordinaria. Se si pensa che il nuovo tappetino, su una strada di 6 metri di larghezza, costa 55.000 euro iva inclusa a km, ci si può fare un’idea di quanto sia grande il bisogno d ulteriori risorse. Gli 850.000 euro previsti saranno quindi suddivisi per interventi di manutenzione e ripristino di frane, con particolare riguardo a due priorità sulla SP22 per San Leo in quanto già limitata nel traffico sui due sensi e prossima alla chiusura totale ai mezzi pesanti. Naturalmente si lavora anche per intercettare risorse straordinarie nell’ambito di una eventuale dichiarazione di calamità e in applicazione dell’articolo 10 riferito alle emergenze di protezione civile, considerando comunque che i budget saranno sicuramente molto limitati”.

E’ già stato inviata in Regione una dettagliata relazione sui danni subiti. Nel frattempo è aperta una trattativa con la Regione e con lo Stato, insieme alle altre Province della Regione, per concordare un programma di azioni strutturali intervenendo sia sugli aspetti economici che su quelli gestionali, anche in vista del necessario riordino del settore e delle competenze delle Province. “In questo quadro, in un prossimo incontro già programmato dalla Regione verrà esplicitato il fabbisogno di 10.000.000 della Provincia di Rimini e, insieme alle altre realtà provinciali, si tenterà di raggiungere un accordo risolutivo e definitivo.”

Per quanto riguarda  i circa cento ponti di varie entità che insistono lungo le strade provinciali “Come Provincia – afferma il Vicepresidente Riziero Santi – abbiamo attivato un monitoraggio per un esame preventivo e puntuale delle condizioni in cui versano. Dalle prime valutazioni emergono diverse problematicità da trattare con interventi manutentivi e strutturali e le risorse da impegnare saranno certamente dell’ordine di diversi milioni di euro.”

Sul fronte agricoltura, invece, è il Presidente della Provincia, Andrea Gnassi, che raccoglie e fa sue le preoccupazioni espresse da Coldiretti per il persistere sul nostro territorio di condizioni meteorologiche avverse che hanno provocato negli ultimi due mesi e continuano a provocare anche in queste ore, con nuove nevicate nelle aree collinari e freddo intenso, danni all’agricoltura:

“La Provincia di Rimini – dichiaraGnassi – è in costante contatto con l’Assessorato all’Agricoltura della Regione Emilia-Romagna, impegnato in un sistematico monitoraggio della situazione. Non appena le condizioni meteorologiche lo consentiranno, e potremo dire di essere usciti definitivamente dalla fase critica, si potrà stilare un primo bilancio dei danni e agire di conseguenza, di concerto con la Regione e con le associazioni di categoria.”

Redazione Newsrimini

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454