lunedì 19 agosto 2019
menu
Contenuto sponsorizzato Nazionale

La nuova criptovaluta voluta dalle banche: investire in Ripple


Contenuto Sponsorizzato
In foto: criptovalute
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti Visualizzazioni 4.702 visite
mar 6 feb 2018 15:26 ~ ultimo agg. 7 feb 19:15
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min Visualizzazioni 4.702
Print Friendly, PDF & Email

Le criptovalute sono ormai argomento di conversazione quotidiana; queste strane “monete”, infatti, delle quali quasi nessuno sapeva nulla fino all’anno scorso, oggi suscitano l’interesse degli investitori, anche i più piccoli. È anche vero che, dopo l’exploit del 2017, gli ultimi due mesi hanno segnato numeri estremamente negativi, che spaventano anche i più temerari.

Il Bitcoin, il big tra le criptovalute, ha raggiunto, ad esempio gli 8.352 Dollari e, se si considera che a metà dicembre ne valeva più di 19.000, si possono comprendere le preoccupazioni del mercato. Ethereum, la moneta virtuale seconda solo al Bitcoin, vale oggi 900 Dollari, a fronte dei 1360 raggiunti a metà gennaio, mentre Ripple, la “criptovaluta delle banche”. rispetto al suo valore massimo di 3,80 dollari ottenuto a inizio gennaio, ha perso quasi l’80%. In sintesi, negli ultimi 30 giorni, il mercato delle criptovalute ha polverizzato 300 miliardi di dollari. Numeri da incubo.

A questo va aggiunto che molti governi hanno dichiarato di voler chiudere i mercati alle valute virtuali, al fine di impedire attività illegali, facilitate dall’anonimato garantito sulle blockchain.

Lecito, dunque, domandarsi se conviene investire in Ripple (approfondimenti su http://www.migliorcontocorrente.org/investire-ripple.htm), Bitcoin, Ethereum e tutte le altre altcoin che hanno portato una ventata di novità nel panorama finanziario mondiale.

Secondo gli esperti la volatilità nel criptomondo è da mettere in conto e, quindi, gli investitori dovrebbero mettersi un po’ il cuore in pace e abituarsi a picchi e avvallamenti del valore della loro criptovaluta di riferimento, ma ciò non toglie che nessuno sa fornire rassicurazioni in merito.

Particolarmente solida pare, però, essere Ripple, la criptomoneta sconosciuta fino a poco tempo fa, ma diventata negli ultimi mesi un vero e proprio fenomeno mondiale. A inizio del 2017 valeva solo 0,006 Dollari, mentre a fine anno era arrivata a oltrepassare i 3 Dollari per un incremento complessivo del 30.000%.

Cos’ha Ripple in più rispetto al Bitcoin? Perché questa criptovaluta e apprezzata dalle banche e riesce a stringere accordi che ne garantiscono lnon solo la sopravvivenza ma anche, molto probabilmente, il futuro successo?

Si tratta di una criptovaluta scambiata sulla blockchain omonima che e stata progettata, dal suo fondatore Chris Larsen, oggi è uno degli uomini più ricchi del mondo, per consentire lo scambio veloce di denaro in tutto il mondo, a differenza del Bitcoin che ha, invece, l’obiettivo principale di accumulare valore nel tempo. Questa sua natura di essere “veicolo di denaro” suscita anche l’interesse delle banche e gli accordi stretti tra che Moneyfarm e Ripple in quest’ultimo mese ha dimostrato verso i Ripple in questi ultimi mesi ne sono testimonianza.

Certo è che chi ha acquistato i gettoni di Ripple si sta in questi giorni leccando le ferite, però è anche vero che l’attuale crollo del valore può spingere altri investitori a entrare nella blockchain puntando a un possibile rialzo nei prossimi giorni, rialzo che secondo gli esperti è più che auspicabile.

Altre notizie
di Redazione
VIDEO
Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
VIDEO
L'analisi della Camera di Commercio

Crescono le imprese straniere attive in Romagna

di Redazione   
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna