Indietro
menu
Attualità Politica

Sottopasso Ceccarini. Vescovi (Pd): manca progetto, a rischio i finanziamenti

In foto: il sottopasso (repertorio)
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 15 nov 2017 12:42 ~ ultimo agg. 16:51
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

[fvplayer src=”https://www.youtube.com/watch?v=wM1-W7X2ZjU&feature=youtu.be” splash=”https://i.ytimg.com/vi/wM1-W7X2ZjU/hqdefault.jpg” caption=”Sottopasso Ceccarini. Vescovi (Pd): manca progetto, a rischio i finanziamenti”]

Il progetto preliminare è ancora da approvare e la richiesta di finanziamento regionale risale a due anni fa e si riferisce ad un progetto poi abbandonato. L’affondo rivolto alla Giunta di Riccione arriva, dopo l’accesso agli atti, dalla capogruppo del Pd Sabrina Vescovi. Il tema è la realizzazione del sottopasso di viale Ceccarini i cui lavori dovranno essere appaltati e realizzati entro la fine del 2018 per poter accedere ai 365mila euro di fondi ottenuti dalla Regione. “Questa Giunta in 26 mesi non è stata in grado di approvare un progetto che, di fatto ancora non c’è – attacca la Vescovi dai microfoni della trasmissione Tempo Reale (radio icaro – icaro Tv) – Rilevo poi l’incoerenza del sindaco Tosi che si è eretta a paladina del No Trc e del No all’appalto a Italiana Costruzioni e oggi, se vuole rispettare i tempi per realizzare l’opera, dovrà chiedere proprio a Italiana Costruzioni di non abbandonare il cantiere del Trc e con un affidamento diretto far realizzare a loro l’opera per il sottopasso.” Secondo la capogruppo del Pd la realizzazione non costerà poi solo 800mila euro soprattutto se “dovesse andarsene Italiana Costruzioni e si dovesse appaltare su un nuovo cantiere. Si creerebbe anche un danno economico al comune.

La città, spiega la Vescovi, ha bisogno del sottopasso (infrastruttura necessaria a garantire maggiore sicurezza nell’area) e il Pd è pronto a fare la sua parte chiedendo alla Regione di non essere troppo fiscale sui tempi.

Si tratta dello stesso finanziamento usato da Rimini per realizzare le fermate del Trc e anche quei lavori non sono partiti” spiega il sindaco Renata Tosi sulle pagine del Corriere Romagna. Un paragone che però secondo la Vescovi non regge. “C’è una differenza enorme. Il comune di Rimini ha già fatto tutte le procedure e in alcuni casi ha presentato progetti e appaltato i lavori. Loro non sono in ritardo, noi siamo in ritardo.

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
VIDEO
di Redazione