Indietro
menu
Cattolica Cultura

Opere del pittore Vincenzo Cecchini donate al Comune di Cattolica

In foto: una parte di "Ragione, grido e sogno"
di Maurizio Ceccarini   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 5 set 2017 14:49 ~ ultimo agg. 17:45
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’amministrazione comunale di Cattolica comunica una donazione del concittadino Vincenzo Cecchini: pittore, insegnante e poeta. Si tratta di una serie di dipinti che illustrano l’esperienza didattica ispirata dal libro La ragione, il grido, il sogno Per una lettura dell’opera d’arte (edito nel 2007 dalla BCC di Gradara), ideato dall’artista al fine di favorire la comprensione del linguaggio artistico nella scuola.

una lezione di Cecchini

Il progetto viene proposto dal Laboratorio di educazione all’immagine alle scuole di Cattolica dando vita ad una sperimentazione del “metodo” didattico dal 2006 al 2008 condotto da un’equipe di lavoro diretta da Vincenzo affiancato da Valeria Belemmi responsabile del laboratorio di educazione all’immagine, e da Andrea Erna Graf, Luciana Tirincanti ed Enrico Ferroni.  Da questo contesto Vincenzo Cecchini ha maturato una nuova ‘scrittura’ pittorica che lo ha portato nel 2010 a produrre e realizzare il primo coloratissimo libro a fumetti intitolato Una strana lezione dal quale nascono la sequenza di dipinti donati ed un video-fumetto.  Le opere sono in mostra permanente, nella sede del Laboratorio di educazione all’immagine in via Comandini 17 che si farà cura di promuovere nelle scuole questo strumento di lettura dell’opera d’arte attraverso le sue “lezioni divertenti”.


Vincenzo Cecchini nasce a Cattolica nel 1934. La sua esperienza artistica ha inizio negli anni ’50 quando entra in contatto con gli artisti della galleria Numero di Firenze. Frequenta l’avanguardia artistica degli anni ‘60 e ‘70 e si trasferisce a Milano e a Roma; partecipa al fermento culturale di quegli anni con esposizioni nazionali e internazionali dedicandosi anche all’insegnamento della pittura e della scultura. Densissimo il suo percorso che spazia ricerche diverse, dalle termoplastiche alla foto- pittura degli anni 1972-78, alla pittura analitica; numerose le mostre realizzate lungo un cinquantennale curriculum, curate da critici e curatori tra cui Cesare Vivaldi, Enrico Crispoldi, Fulvio Abbate, Elisabetta Longari, Claudio Cerritelli, Angela Madesani.

Commenta l’assessore a Scuola e Politiche Educative Valeria Antonioli: “Il progetto didattico La ragione, il grido, il sogno ha coinvolto bambini/e e ragazzi/e dai 5 ai 14 anni che insieme ai loro insegnanti hanno sperimentato un modo nuovo e giocoso per affrontare il tema della lettura dell’opera d’arte. Questo metodo si è rivelato uno strumento semplice e diretto che mi auguro possa esser parte delle scelte formative delle nostre scuole.”

Notizie correlate
di Simona Mulazzani   
di Redazione   
di Redazione