mercoledì 11 dicembre 2019
menu
Senza categoria

La Dany Riccione centra la salvezza in C Silver

In foto: Massimo Darderi, coach dei Dolphins Riccione
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 27 mag 2017 14:40 ~ ultimo agg. 14:41
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

DANY DOLPHINS RICCIONE-OLIMPIA CASTELLO 112-63

IL TABELLINO
DANY RICCIONE: Egbutu 3, Casadei 5, Mazzotti 5, Pulvirenti 13, Cardinali 27, Ambrassa 6, Brattoli 28, Chavdarov 8, Biagini, De Martin 15, Galimi 2. All. Darderi.

CASTELLO: Franceschini 10, Dall’Osso 2, Bonetti 9, Binassi 9, Venturi 8, Corazza 2, Pedini 9, Boschi 7, Cavina 7, Guazzaloca, Nardi. All. Grassilli.

ARBITRI: Gasperini di Forlì e Alessi di Ravenna.

Parziali: 29-12, 53-32, 90-48.

CRONACA E COMMENTO
Trionfo e salvezza. Notte magica per la Dany Riccione che sul parquet di via Forlimpopoli stravince la “bella” playout con l’Olimpia Castello e conquista meritatamente la permanenza in serie C Silver (112-63). Dopo due partite al cardiopalma, una decisa con una bomba di Mazzotti allo scadere, l’altra dopo ben due overtime, nessuno avrebbe potuto immaginare un simile epilogo per la partita che valeva un’intera stagione. Invece i Dolphins hanno voluto regalare a se stessi, società e tifosi, un’autentica passerella trionfale rifilando qualcosa come 49 punti di scarto a un avversario combattivo come l’Olimpia Castello.

I biancazzurri scendono in campo con gli occhi della tigre e per gli ospiti si capisce ben presto che sarà una serata complicata. L’attacco di coach Darderi gira che è una meraviglia, il gap si scava subito e si allarga con il passare dei minuti fino a toccare il +17 alla prima sirena. Ce ne sarebbe già abbastanza per amministrare il vantaggio, invece la Dany continua a spingere il piede sull’acceleratore sentendo le mani bollenti e si va all’intervallo lungo con un clamoroso +21 e soprattutto ben 53 punti sul tabellone. Logico che la partita sia praticamente archiviata con largo anticipo, l’Olimpia smette presto di crederci mentre sulla sponda riccionese si continua a cavalcare l’onda e a fine terzo parziale il Castello è quasi doppiato (90-48).

Percentuali di tiro da urlo sullo score dei Dolphins: il 61% da due (27/44) e il 56% dall’arco dei 6,75 (14/25). All’interno di una prova corale da ricordare a lungo, risaltano le prestazioni individuali di un super Brattoli (28 punti con 12/15 complessivo dal campo) e di un Cardinali tornato quello devastante di inizio stagione (27 punti con 6/12 nelle triple) mentre Chavdarov tira giù 8 rimbalzi e la coppia Mazzotti-Pulvirenti sforna 7 assist a testa. Tutto gira alla perfezione fino al 112-63 finale che resta impresso sul tabellone di via Forlimpopoli a fotografare una stagione sofferta sì, ma conclusa con il raggiungimento della preziosa salvezza.

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna