martedì 22 gennaio 2019
In foto: foto di gruppo davanti alla sede
di Redazione   
lettura: 2 minuti 1.488 visite
sab 8 apr 2017 17:31 ~ ultimo agg. 19:47
Print Friendly, PDF & Email
2 min 1.488
Print Friendly, PDF & Email

E’ stata inaugurata oggi pomeriggio la nuova sede di Patto Civico Riccione, che si trova in Viale Diaz 85. In occasione del taglio del nastro sono stati nominati anche i due coordinatori di Patto Civico Riccione: una donna Marisa Grossi, e un giovane Gioele Gaddi. Marisa Grossi è una imprenditrice nel settore telecomunicazioni e Gioele Gaddi è neo laureato in Giurisprudenza.

Sergio Pizzolante, promotore del progetto, ha detto “Ancora una volta dimostriamo il senso della trasversalità che ci unisce. Agli altri partiti sono rimasti etichette e vecchi simboli senza volti e senza persone, noi mettiamo facce e persone per cambiare Riccione. In questa città prima ha fallito il Pd e dopo soli due anni ha fallito la Tosi! Noi la prima cosa che dobbiamo fare è la ricostruzione e la rigenerazione anche morale di una Riccione sfibrata da liti e veleni”.

Fabio Ulbaldi, capolista di Patto Civico Riccione “Fino a poco tempo fa sembrava impossibile riuscire ad arrivare a questo momento. Ma la giornata odierna dimostra il sopravvento del Progetto. Siamo entrati in una nuova fase politica legata alla progettualità di una città pensata insieme”.

Presente anche l’ex sindaco di Riccione Terzo Pierani; “Questa scommessa ha presupposti importanti: cercare di unire la città di Riccione che ha oggi un arretrato di 20 anni. Si è chiusa una fase storica. Dobbiamo superare le ideologie, unire le forse e affrontare i problemi di Riccione passando dall’io al noi. Riccione ce la può fare, Riccione ha bisogno di futuro”.

Carlo Conti, candidato sindaco, guarda già al ballottaggio: “Oggi  per noi è un giorno importantissimo perché di fatto entriamo in campagna elettorale. Adesso è giunto il momento di rilanciare e condividere per la città le scelte e strategie per far tornare grande Riccione. Quando ci chiedono con chi andremo in caso di ballottaggio, io rispondo ‘non siamo noi anche andremo con qualcuno, sono loro che se non vinceremo al primo turno, dovranno decidere se sostenere noi, cioè il futuro, o altri, cioè il passato. Dopo il fallimento del PD e della Tosi noi ricostruiremo questa città

Notizie correlate
di Redazione
di Andrea Polazzi
VIDEO
di Roberto Bonfantini
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna