domenica 25 agosto 2019
menu
In foto: la Scientifica al porto
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 1 minuto Visualizzazioni 1.269 visite
mer 5 apr 2017 19:41 ~ ultimo agg. 6 apr 10:28
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto Visualizzazioni 1.269
Print Friendly, PDF & Email

Katerina Laktionova, la 27enne russa ritrovata cadavere in una valigia nel porto di Rimini, a febbraio si era presentata personalmente negli uffici della Questura di Rimini chiedendo un permesso umanitario per potersi curare in Italia dall’anoressia che l’affliggeva almeno da un paio d’anni. E infatti le era stato rilasciato un permesso di soggiorno per motivi umanitari e sanitari. Sulle circostanze della sua morte, di chi l’ha abbandonata senza cure e quindi chiusa in una valigia dopo morta, sta indagando la polizia di Stato coordinata dal sostituto procuratore Davide Ercolani che ha aperto un fascicolo per dispersione di cadavere e abbandono di incapace. A gettare la valigia col corpo in mare, alcuni giorni dopo il decesso per stenti, è stata la madre probabilmente sconvolta dal dolore.

(fonte Ansa)

Notizie correlate
di Redazione   
di Andrea Polazzi   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna