giovedì 22 agosto 2019
menu
In foto: la liberazione di una tartaruga a pasquetta
di Lucia Renati   
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
lun 24 apr 2017 17:16 ~ ultimo agg. 18:10
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Il 25 aprile Fondazione Cetacea rilascerà in mare Natalina, una femmina di Caretta caretta di 71 cm di carapace ricoverata il 22 di dicembre dello scorso anno a seguito di una cattura accidentale in una rete per la pesca a strascico al largo di Cesenatico. Il rilascio avverrà nell’ambito del progetto TartaLife, finanziato dalla Commissione Europea attraverso il fondo LIFE+ NATURA 2012 e coordinato dal CNR-ISMAR di Ancona. La maggioranza delle tartarughe curate ogni anno da Fondazione è vittima accidentale della pesca professionale, ed è proprio grazie alla collaborazione dei pescatori che si ottengono grandi risultati in termine di conservazione della specie.

Le tartarughe, rettili che necessitano di emergere dall’acqua per respirare, proprio a causa di queste catture rischiano l’annegamento ma grazie ad un pronto intervento possono riprendersi in fretta. Per una tartaruga che riprende il mare un’altra è arrivata stanotte, sempre a seguito di una cattura accidentale, e sempre grazie alla collaborazione con il motopeschereccio Rimas di Cesenatico ha potuto ricevere immediatamente le cure necessarie: Tempesta, una tartaruga adulta di ben 81 cm.

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini
Terzo anno in maglia a scacchi

Andrea Montanari resta in biancorosso

di Redazione
Notizie correlate
di Roberto Bonfantini   
VIDEO
di Icaro Sport   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna