giovedì 17 gennaio 2019
di Andrea Polazzi   
lettura: 2 minuti 2.184 visite
lun 20 mar 2017 13:59 ~ ultimo agg. 21 mar 12:54
Print Friendly, PDF & Email
2 min 2.184
Print Friendly, PDF & Email

Una premessa, i dati che proponiamo sono quelli Istat, elaborati dagli uffici statistica prima provinciale e ora regionale. Dati che, ha spiegato nei giorni scorsi il sindaco di Rimini Andrea Gnassi citando il presidente dell’Istat, sarebbero sottostimati di circa il 30%. Al momento però sono gli unici raffrontabili a livello nazionale e internazionale.

I dati provinciali: confronto 2012 – 2016. In 5 anni, dal 2012 al 2016, i turisti arrivati in provincia di Rimini sono passati da 3milioni 198.906 a 3milioni 450.431 (+7,8%). Sono calati però quelli stranieri, da 733mila a 710mila.
Per quanto riguarda invece i pernottamenti il segno è negativo (-2,58%): se nel 2012 sfioravano i 16 milioni lo scorso anno si sono fermati sotto i 15,6 milioni proprio a causa di un tracollo delle presenze estere (400mila in meno in 5 anni). Già a prima vista i dati mettono in evidenza il calo di permanenza media dei turisti che in un quinquennio è passata da 5 giorni a 4,5.

Le singole località costiere. Guardando le singole località emerge un dato interessante: l’unico comune che dal 2012 al 2016 (nonostante i buoni risultati dell’ultimo anno) ha visto diminuire il numero di presenze è il capoluogo: Rimini infatti nel 2012 ne registrava 7.604.056 a fronte dei 7.093.796 del 2016 (-6,7%). Nello stesso periodo Riccione è passata 3.525.388 a 3.539.347 (+0,39%), Bellaria Igea Marina da 2.140.657 a 2.141.365 (+0,03), Cattolica da 1.744.440 a 1.841.656 (+5,57%) e infine Misano Adriatico da 774.439 a 789.989 (+2%). Il calo riminese, tra l’altro, non è imputabile solo alle presenze estere (circa 300mila in meno) ma anche a quello di turisti italiani (-200mila circa).

Discorso diverso invece alla voce arrivi che vede tutte le località in crescita nell’ultimo quinquennio con Rimini che passa da 1.629.976 a 1.710.093 (+4,9%), Riccione da 737.894 a 810.547 (+9,84), Bellaria da 348.286 a 378.011 (+8,5%), Cattolica da 291.696 a 333.499 (+14,3%) e Misano da 125.316 a 146.392 (+16,8%).

I picchi negativi di arrivi e presenze si sono registrati nel 2013, negli anni seguenti si è registrata un’inversione di tendenza graduale ma precisa. L’auspicio è che la crisi sia ormai alle spalle e che il 2017 possa segnare la svolta definitiva. Mercati esteri e durata del soggiorno (in costante calo) saranno due delle priorità su cui lavorare.

Altre notizie
di Redazione
di Andrea Polazzi
Notizie correlate
di Redazione
di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna