lunedì 21 gennaio 2019
di Icaro Sport   
lettura: 2 minuti
mar 7 mar 2017 14:11 ~ ultimo agg. 14:12
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

Un inteso weekend di judo per gli atleti e gli educatori della sezione Judo della Polisportiva Riccione, iniziato sabato pomeriggio con la partecipazione di Simone Michelotti, uno degli agonisti di punta, ad un importante allenamento regionale sotto l’attenta vigilanza del suo allenatore Ousmane Badiane. Simone si è cimentato in due ore di attività judoistica con i migliori atleti della regione, coordinati dal direttore tecnico regionale, Maestro Paolo Oleari e dal Maestro Paolo Beretti.

Nello stesso tempo il coordinatore della sezione judo della Polisportiva Riccione, Giuseppe Longo, ha incontrato i dirigenti del Comitato Regionale Fijlkam per definire i dettagli dell’organizzazione del Campionato Italiano Cadetti (Under 18), che si svolgerà al Play Hall di Riccione il 3 e 4 giugno prossimi.

Per quanto riguarda le gare, domenica si è svolta a Riccione la seconda prova del “Criterium Giovanile 4 Città”, che ha visto protagonisti oltre 250 atleti Under 12 provenienti da tutte le province romagnole, con qualche ospite sammarinese e bolognese.

La Polisportiva Riccione ha partecipato con ben 24 atleti, che si sono resi protagonisti nelle rispettive categorie di peso ed età, vincendo quasi tutti almeno un incontro e conquistando 10 primi posti, 9 secondi e 5 terzi, così suddivisi:

Primo posto: Luca Natali, Leonardo Falcone, Matteo Caramuscio, Anita Celli, Carlo Falcone, Mattia Giannetto, Alessandro Righetti, Filippo De Paoli, Cristian Eusebio e Morgana De Paoli.

Secondo posto: Manuel Fratti, Bruno Ialeggio, Maria Celeste Righetti, Manuel Russo, Tommaso Iaccheo, Rita Bertozzi, Matteo Dominici, Riccardo Longhi e Filippo Marzaloni.

Terzo posto: Viola Bertozzi, Sofia Longo, Celeste Maccioni, Alessandro Conti e Samuele Tararà.

“I nostri bimbi hanno lottato con grande impegno, mettendo in pratica i lavori sviluppati in palestra – ha spiegato il coordinatore e istruttore del Judo Polisportiva Riccione, Giuseppe Longo. Ricordando che queste manifestazioni non hanno una finalità agonistica, ma educativa, possiamo affermare di essere perfettamente soddisfatti a prescindere dalle classifiche dei singoli. Molti dei nostri atleti hanno migliorato la classica della prima prova, come i fratelli De Paoli, altri hanno confermato il primato, vedi i fratelli Falcone e non solo. Si evidenzia la prima partecipazione ad una manifestazione fuori dal nostro Dojo di Manuel Fratti, classe 2010 e un bellissimo ippon di Matteo Caramuscio, che ha eseguito una bellissima spazzata del piede avanzate del proprio avversario meritando il punteggio più alto in una competizione di judo”.