lunedì 23 settembre 2019
menu
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
ven 2 dic 2016 17:45 ~ ultimo agg. 17:46
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Nonostante le rassicurazioni arrivate negli ultimi giorni, restano concrete le preoccupazioni sul futuro dei lavoratori di Start Romagna. Lo scrivono i sindacati di categoria al termine dell’incontro avvenuto oggi con la direzione aziendale dopo la proclamazione dello stato d’agitazione. Le parti sociali hanno ribadito i temi al centro della mobilitazione e in primis l’incertezza sulle risorse per il 2017 che rischierebbe di compromettere l’equilibrio economico e finanziario dell’azienda. I sindacati hanno spiegato che la discussione sui temi ancora in agenda (come ad esempio l’applicazione del Contratto Collettivo Nazionale, la mobilita del personale e l’armonizzazione dei trattamenti) è subordinata ai chiarimenti da parte dei soci in merito a quantità e disponibilità di risorse per gli anni 2015-2016-2017. La direzione aziendale – si legge nella nota dei sindacati – ha ribadito che non ci sono novità che permettano di dare risposte positive alle richieste avanzate dalle organizzazioni sindacali che, a loro volta, hanno avviato la seconda fase di raffreddamento prevista dalle norme vigenti.
Tutti i lavoratori Start Romagna – si legge nella nota – non abbasseranno la guardia e rilanciano una serie d’iniziative per contrastare quello che viene definito uno sciagurato progetto che porterebbe al fallimento di Start Romagna.

Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini   
VIDEO
di Redazione   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna