martedì 23 luglio 2019
menu
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
dom 11 dic 2016 17:20 ~ ultimo agg. 17:24
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Con un’interrogazione nel prossimo consiglio comunale, il capogruppo del Movimento 5 Stelle Vincenzo Cicchetti domanda all’amministrazione comunale di Riccione quale sia la situazione della balneabilità alla foce del Marano. Il consigliere cita la delibera regionale del novembre scorso nella quale si “individuano ben due aree intorno al Marano interdette momentaneamente alla balneazione, una da 450 metri fino a 50 metri a nord della foce del Marano, definita “in attesa di classificazione”; l’altra da 50 metri a 350 metri a sud, definita “scarsa”.” Cicchetti ritiene che le due aree dovranno essere nella prossima stagione interdette temporaneamente alla balneazione ed evidenzia “come tutti gli interventi finora predisposti non hanno di fatto migliorato la situazione, ma anzi, al contrario, hanno provocato un evidente peggioramento“.

Le richieste mosse a sindaco e giunta sono quelle di rendere noti “quali futuri interventi siano stati programmati per impedire il protrarsi di questa
situazione di inquinamento“, di sapere “se l’amministrazione abbia o meno censito le sorgenti ed emittenti di inquinamento” e “quali siano le entità territoriali responsabili della contingente situazione del Torrente Marano“. L’esponente del 5 Stelle chiede anche se “siano state avvisate le attività economiche che insistono nell’area prospiciente, del futuro divieto di balneazione” e “quali siano gli strumenti che si intendono attivare per avvisare la cittadinanza e gli ospiti di una zona interdetta così ampia“.
Per chiudere con un avvertimento: tre anni di osservazione con situazione scarsa conducono per legge alla dichiarazione del divieto di balneazione permanente.

Notizie correlate
di Redazione   
di Maurizio Ceccarini   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna