mercoledì 23 gennaio 2019
Rimini Rimini Social

A Natale a tavola insieme

di Redazione   
lettura: 2 minuti
mer 14 dic 2016 10:17
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

Domenica 18 alle ore 12, le porte della Caritas si apriranno per ospitare i poveri in attesa dell’ormai tradizionale pranzo di Natale. Il fatto in sé non è un evento eccezionale – la stessa scena si ripete ogni giorno e ogni domenica- ma questo è un appuntamento particolare. Saranno circa 200 le persone che saranno servite a tavola da un gruppo di volontari. Prima del pranzo ci sarà la recita di una preghiera in lingua araba e poi del Padre Nostro.

Il menù sarà tipicamente natalizio: antipasto, bis di primi ,abbondante secondo, frutta, e dolce .

Al pranzo parteciperà anche il Vescovo di Rimini mons. Francesco Lambiasi, testimoniando la vicinanza e la condivisione di tutta la Chiesa di Rimini .

I pranzi di Natale infatti sono l’immagine concreta che è possibile vivere insieme tra genti diverse con grande rispetto e amicizia: questo è il vero senso della festa.
Quando a tavola si siede un povero è il vero Natale e lo è per due motivi. Primo perché è il Natale in cui accogliendo il povero, si accoglie Gesù. E in secondo luogo è il Natale della famiglia, non solo della mia, della tua, ma della famiglia allargata. Il mondo è una fraternità universale e in questa fraternità noi riconosciamo tutti, anche chi è emarginato e lontano, come nostri fratelli e sorelle  e quindi è giusto che a Natale siamo tutti insieme seduti a tavola come una vera famiglia.

Sono soprattutto persone che vivono nella strada: i nostri amici barboni, profughi senza tetto. Ma anche mendicanti, stranieri di tante parti del mondo. Età diverse ma anche lingue, tradizioni, religioni diverse: non solo cristiani ma anche musulmani: un grande popolo senza confini.

E’ un miracolo per il quale vale la pena andare a bussare a tutte le porte per raccogliere quello che serve per la festa: i commercianti, i colleghi, gli amici. Ma il miracolo è anche il fatto che credenti di tutte le religioni possano trovare un posto in questa festa: servire ed essere serviti in un movimento di cuori che credono nella salvezza del mondo attraverso la fede, la pace, la concordia tra gli uomini.

Altre notizie
di Redazione
aveva derubato un compagno

Furto a scuola: diciottenne arrestato

di Redazione
Notizie correlate
di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna