lunedì 19 agosto 2019
menu
In foto: l'incrocio via Sacramora-Caldara
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
mer 16 nov 2016 11:09 ~ ultimo agg. 11:25
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Poter avere delle strisce pedonali in un punto critico dal punto della sicurezza pubblica pare un obiettivo irraggiungibile. Lo lamenta con una lettera un cittadino riminese.


La lettera

A giugno 2015 ho inviato al Comune di Rimini una richiesta di istituzione strisce pedonali su Via Sacramora – angolo Via Caldara.

La richiesta era motivata e pertinente – assenza di strisce nelle immediate vicinanze, pericolosità della strada suffragata dai dati sugli incidenti verificatisi negli ultimi anni – tant’è che il Comune mi comunica in febbraio 2016 che la commissione di valutazione aveva espresso parere favorevole e l’intervento sarebbe stato avviato alla disponibilità delle risorse economiche.

Poiché l’intervento non veniva realizzato ho ancora sollecitato il Comune a luglio 2016 e mi è stato risposto che le risorse economiche erano terminate e non erano in grado di dare tempi certi sulla realizzazione dell’attraversamento pedonale.

Mi chiedo è possibile che con tutti gli incassi che arrivano al Comune da multe per violazione al codice della strada – che per legge devono essere destinate al miglioramento della sicurezza delle strade – non si riescano a trovare i fondi per due cartelli verticali e per disegnare le strisce sull’asfalto?

Quanto mai potrà costare questa opera? Quanto tempo occorrerà per realizzarla?

Giovanni Masini

Notizie correlate
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna