martedì 20 agosto 2019
menu
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 7 ott 2016 13:22 ~ ultimo agg. 13:45
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Un uomo considerato scorbutico e arrogante, l’incontro con un immigrato clandestino, un rapporto costruito fra alti e bassi dal quale emergono pregiudizi ed esperienze personali che portano a un finale rocambolesco. Si tratta di “Shalim goodbye”, il cortometraggio che in questi giorni sta impegnando uno staff di 15 persone sotto la regia del 28enne sammarinese Jacopo Manzari, che proprio sul Titano ha deciso di girare la sua prima opera dopo essere stato attore, in passato, al fianco di colleghi come Valentina Cortistar della serie “Un medico in famiglia”, e Christian Iansante, candidato ai David di Donatello 2015 come miglior attore protagonista per il film “Il leone di vetro”.
Manzari, questa volta nella doppia veste di attore e regista, farà parte del cast insieme ad Ahmed Hafiene, in passato di fronte alla cinepresa per il film “La giusta distanza” di Carlo Mazzacurati, e Paolo Graziosi, di recente nelle sale cinematografiche con le pellicole “Veloce come il vento” e “Il giovane favoloso”, rispettivamente insieme a Stefano Accorsi ed Elio Germano. Halfiene ha vinto un David di Donatello nel 2008.
Le riprese, iniziate sabato scorso, impegneranno la produzione per una settimana e sono possibili grazie al supporto delle attività sammarinesi e del circondario che hanno creduto nel progetto: Hotel Idesign, Fifty More, Ristorante Il Passetto, Zonzini Ippo Autonoleggio, Gastronomia Il Ponte e Consorzio Vini Tipici, Icaro Tv, Elementi di Bellezza e Aqualize, che offre un filtro composto da materiali naturale con il quale ricavare acqua potabile dalle proprietà vive.

Nella troupe maestranze abituate a lavorare nel cinema vero ad alti livelli, come l’operatore Sasha Ippoliti che vanta più di 80 film, molti importanti e diversi ad Hollywood come quest’estate “Butterfly” con Banderas. L’aiuto regia Chiara Della Longa di recente ha lavorato su “Dov’è Mario” di Guzzanti e “Ogni maledetto Natale” regia di Vendruscolo, Torre e Ciarrapico (quelli di “Boris”) ma in carriera ha lavorato anche con Salvatores e Fausto Brizzi in film storici.

 

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna