Indietro
menu
Politica Regione

Bonaccini è il nuovo presidente della Conferenza delle Regioni

In foto: Stefano Bonaccini
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 17 dic 2015 13:35
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il presidente dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini è il nuovo presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome. E’ stato eletto all’unanimità dai governatori e prende il posto di Sergio Chiamparino, presidente della Regione Piemonte, che si è dimesso il 22 ottobre.
“Voglio proseguire l’opera che ha portato avanti molto bene, meritoriamente, Sergio Chiamparino – ha commentato Bonaccini all’Ansa – anche per il tratto umano che lo ha contraddistinto. Assumo questo incarico non come uomo solo al comando, ma volendo lavorare tutti insieme nell’idea che le Regioni abbiano un ruolo importante negli ordinamenti dello Stato e per lavorare in previsione della riforma costituzionale”.

. Dichiarazione del Presidente del gruppo PD in Assemblea legislativa Stefano Caliandro

Con l’elezione di oggi Stefano Bonaccini riporta l’Emilia-Romagna protagonista della scena nazionale.
Complimenti e buon lavoro, dunque. E’ un ruolo che Stefano merita per quello che ha già saputo dimostrare in pochi mesi di lavoro e che merita la Regione Emilia-Romagna che nuovamente, sotto la sua guida, sta diventando apripista e modello per il Paese in tanti settori.

Penso ai primati registrati in questi primi intensi mesi di lavoro: dal taglio ai costi della politica (la prima legge approvata dall’Assemblea) al Patto per il Lavoro, dall’abbattimento delle liste di attesa in sanità all’innovativa legge sui rifiuti, fino alla firma di ieri con la Banca europea degli investimenti che rilancia l’edilizia scolastica in regione.
Penso ai tanti provvedimenti che in questi mesi abbiamo commentato dicendo “siamo i primi in Italia a farlo”. Non per mettersi medagliette sul petto quanto a voler indicare la via dello sviluppo, della modernizzazione, dell’uscita dalla crisi a un sistema di amministrazioni locali che nuovamente ci guarda.