17 novembre 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

TRC, rinviato il tavolo. Confcommercio e Legambiente pro variante

AttualitàRiccione

27 ottobre 2015, 13:44

in foto: un rendering

Il tavolo di coordinamento provinciale sul TRC previsto per oggi e rimandato a data da destinarsi. E a stretto giro arriva a sostegno della variante l’intervento del presidente nazionale di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza che twitta “ancora troppe opere inutili nel paese. Per Legambiente segnale positivo su rinvio Trc a Riccione”.

Anche la Confcommercio di Rimini si dichiara, per voce del presidente Gianni Indino, favorevole alla variante al TRC proposta dall’Amministrazione Comunale di Riccione. Se TRC deve essere, almeno che la “ferita” sia il meno possibile impattante, spiega Indino ricordando la situazione di disagio di cittadini e  commercianti che si trovano a ridosso dei cantieri e “tagliati fuori” dalla viabilità.

L’intervista di Gianni Indino alla trasmissione di Radio Icaro e Icaro Tv TEMPO REALE del 28 ottobre:

 

 


La dichiarazione di Gianni Indino:

“Abbiamo sempre sostenuto con fermezza la nostra contrarietà al TRC. Un’opera vecchia, superata, dagli elevati costi tanto di realizzazione quanto di funzionamento e mantenimento; un progetto che a ogni piè sospinto – vedi la trasformazione di moderni sistemi di mobilità in ordinari bus – dimostra la sua inadeguatezza alle esigenze di mobilità del nostro territorio, vero fattore strategico per il presente e il futuro della nostra destinazione turistica.
Ma tant’è. I lavori procedono, aumentano le porzioni di città interessate dai cantieri, aumentano i disagi per chi vive e opera in prossimità degli stessi. E’ sufficiente prendere un treno tra Riccione e Rimini per avere una visione d’insieme su quella che definirei una ferita, sempre più ampia e sempre più profonda, inferta al nostro territorio.
Ma, come dicevo, tant’è. Nonostante le proteste dei residenti e degli operatori, costretti questi ultimi a fare i conti a fine giornata con il cassetto vuoto, perché tagliati fuori dalla viabilità ordinaria, senza parcheggi nelle vicinanze, in alcuni casi difficilmente raggiungibili addirittura a piedi! La nostra Associazione si fa portavoce della vera e propria disperazione di questi imprenditori, come delle preoccupazioni di tanti altri, non interessati direttamente dai cantieri del TRC, quanto invece dal trovarsi ad operare in un prossimo futuro in una città spaccata in due, in cui la separazione tra ‘mare’ e ‘monte’ sarà ancora più pronunciata e deleteria per quell’idea di città ospitale ‘a misura di turista’ che la Perla Verde ha sempre restituito ai suoi visitatori.
Obtorto collo, quindi, se TRC deve essere TRC sia, ma che almeno si cerchi di preservare quanto più possibile l’ambiente, i denari pubblici e il buon senso. Da tali presupposti nasce il nostro giudizio favorevole nei confronti della variante proposta dall’Amministrazione riccionese che prevede lo spostamento del tracciato da sopraelevato a raso, una soluzione che eviterebbe nuove gettate di cemento e nuovi muri, senza inficiare il normale funzionamento dei mezzi, anche grazie all’impiego di semafori intelligenti per la gestione del traffico veicolare e pedonale. Una soluzione che oltre a garantire un minore impatto ambientale, attraverso l’eliminazione di diversi cavalcavia, consentirebbe un deciso risparmio di costi e di tempi”.

Redazione Newsrimini

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454