Indietro
menu
Ambiente Attualità

Non solo elettrodotti. I rischi dell'elettrosmog "casalingo"

In foto: la conferenza in Municipio
di Maurizio Ceccarini   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 23 lug 2015 19:29 ~ ultimo agg. 24 lug 10:30
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Rimini ha vissuto importati vicende legate all’elettrosmog. La vicenda dell’elettrodotto Forlì-Fano ha fatto giurisprudenza: la Cassazione ha dato ragione ai cittadini riconoscendo che le loro patologie erano dovute all’elettrosmog, pur essendo i valori nei parametri. Per far abbassare i valori però è stata necessaria una nuova causa civile e i tempi non paiono brevi: proprio un anno fa c’è stata l’udienza preliminare ancora senza seguito.
Ma i rischi dell’elettromagnetismo stanno entrando sempre di più anche nelle nostre case.
La Federconsumatori ha presentato oggi in Municipio un opuscolo e una campagna contro i rischi dell’elettrosmog casalingo.

Le trasmittenti per ascoltare il bebè che creano campi elettromagnetici a fianco di neonati, cellulari con le istruzioni sull’elettromagnetismo che spesso si sorvolano, lampade a basso consumo ma ad alto impatto elettromagnetico; scuole che chiedono investimenti per il wi-fi senza concentrarsi sull’uso corretto. Sono tante le situazioni a rischio quotidiane sulle quali la Federconsumatori, senza far guerra alla tecnologia, vuole alzare la consapevolezza.

Altre notizie
di Simona Mulazzani
di Redazione
di Redazione
VIDEO
Notizie correlate
di Redazione   
FOTO
di Redazione   
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna