mercoledì 23 gennaio 2019
di    
lettura: 2 minuti
mar 1 lug 2014 17:49 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

Si è conclusa sabato 28 giugno la Settimana della Ginnastica a Pesaro,
manifestazione che riunisce le migliori ginnaste praticanti attività agonistica di base provenienti da tutta Italia, e che ha visto protagoniste le atlete della Polisportiva Celle Rimini per il settore dell’artistica femminile.

Dopo aver superato senza fatica le qualificazioni regionali, che limitano l’accesso a 25 individualiste per ogni livello ed a sole 10 squadre per le competizioni di team, le atlete riminesi sono scese in pedana per confrontarsi
col resto d’Italia con la determinazione che fa di loro una delle società più forti dell’Emilia Romagna.

Esordio più che positivo per Gioia Fronzoni, Sara Hoffer e Doralice Marzialetti, alla loro prima esperienza in campo Nazionale nella categoria di Primo Livello. Miglior risultato quello di Doralice, con un inaspettato 16esimo posto alla trave, su un totale di 250 atlete.

Per le ragazze del Secondo Livello invece miglior piazzamento quello di Sofia Ferrini nella gara individuale, mentre Linda Astolfi e Celeste Babboni ottengono un 33esimo posto rispettivamente alla trave e al corpo libero.

Buone le performance anche per le altre componenti della squadra: Laura Ferrari, Beatrice Bracci, Martina Bedetti ed Elisa Giorgetti, che rimangono comunque tra le migliori atlete della regione per il loro livello e la loro fascia d’età.

Ottima la prestazione delle ragazze del Terzo Livello: Giulia Campo, che quest’anno è avanzata di categoria e si è ben difesa in particolar modo al minitrampolino ed al volteggio, e di Diana Timerina, la diciannovenne di
origini russe ormai da anni tesserata per la società riminese, che si è imposta alle parallele asimmetriche ottenendo un prestigioso bronzo nella finalissima per attrezzo.

Diana e Giulia sono inoltre state protagoniste assieme a Milena Ricci ed
Eleonora Ottaviani della finale di squadra, la serie D, che prevede come formula di gara la salita di tre ginnaste ai quattro attrezzi. Prova non del tutto pulita, forse anche a causa degli infortuni e delle non perfette condizioni fisiche di Milena ed Eleonora, che ha quindi visto le ginnaste della Polisportiva Celle fermarsi solo a metà classifica fra le oltre cento società
partecipanti.

L’altra competizione di squadra, la Coppa Italia, ha invece riportato in pedana dopo anni di inattività quattro ex agoniste: Beatrice Bruni, Cecilia Brici, Silvia Renzi e Denise Bellettini, allenate dal tecnico federale Valentina Grassi. Oltre agli attrezzi questo tipo di prova prevede l’esecuzione
di un esercizio collettivo al suolo che, seppur ben strutturato ed eseguito, non è stato sufficiente per imporsi su squadre il cui allenamento va oltre i ritagli di tempo ricavati tra il lavoro e lo studio universitario.

Notizie correlate
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna