14 novembre 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

Ric. pubblichiamo. Inceneritore: ‘Cambiano le regole in Regione’.

Coriano

24 settembre 2012, 13:07

in foto: Soddisfazione degli ambientalisti dopo le decisioni della Regione in merito alla costruzione di nuovi inceneritori. Pubblichiamo il commento della portavoce di Riccione per l’energia pulita Margherita Bologna.

“Dopo tanto bussare e produrre informazioni sulle nuove tecnologie per gestire tutto il ciclo dei rifiuti senza incenerirli e dopo essere stati ricevuti per due volte dal sottosegretario del Presidente Errani, Alfredo Bertelli fino all’ultimo appuntamento della sottoscritta con l’assessore regionale all’ambiente Sabrina Freda il 17 luglio scorso finalmente il risultato è arrivato. La regione Emilia Romagna ha decretato lo stop alla costruzione di nuovi inceneritori nella nostra Regione e la riconversione degli impianti già presenti sul territorio. L’annuncio è stato dato dall’assessore Freda al termine della riunione con gli amministratori locali sul nuovo piano regionale di gestione dei rifiuti. L’Assessore regionale ha aggiunto “La linea è quella di un utilizzo sempre più residuale di questi impianti. Lo dice la Direttiva Ue che pone agli ultimi posti della gerarchia degli impianti la discarica e l’incenerimento dei rifiuti”.

Nel rallegrarci per questa importante decisione non possiamo però non esprimere il nostro rammarico dovuto al fatto che Direttiva Europea in cui si prescrive tale gerarchia era vigente anche quando è stato deciso di costruire la nuova linea dell’inceneritore di Raibano a Coriano di Rimini. Se fosse stata rispettata a quest’ora la nuova linea dell’inceneritore molto probabilmente non sarebbe stata costruita!

Solo nel marzo di quest’anno purtroppo, e dietro nostre ripetute richieste in tutte le sedi esperibili, da quelle locali a quelle nazionali e su mie precise indicazioni riguardo alle modalità di ristrutturazione dell’impianto di selezione del secco Akron, all’Amministratore delegato sig. Fabio Fabbri, tale impianto è stato rinnovato ma solo parzialmente e non completamente. Tuttavia rimane ancora molto da fare sulla strada del recupero di materia.

Per questo diciamo ad Hera di non sentirsi esonerata dal rispettare quanto scritto nel programma dell’attuale Giunta provinciale e chiediamo ancora una volta la DISMISSIONE e non il semplice spegnimento della vecchia linea dell’inceneritore. Nel pacchetto di impianti alternativo che abbiamo proposto ce n’è uno in grado di recuperare i materiali provenienti dai rifiuti indifferenziati per avviarli al riciclo. Ci aspettiamo che Hera lo realizzi al più presto al posto della vecchia linea insieme al completamento della ristrutturazione di Akron”.

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454