martedì 22 gennaio 2019
di    
lettura: 1 minuto
mar 18 set 2012 15:42 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Questa mattina in un incontro con il presidente della provincia Vitali e il sindaco di Verucchio Pruccoli referente dell’Anci, i sindacati hanno espresso la loro preoccupazione sul ridimensionamento nell’offerta dei servizi che potrebbe portare anche ad una penalizzazione nei confronti dei cittadini. Preoccupazione condivisa dalle istituzioni locali. Nelle prossime settimane i sindacati proporranno momenti pubblici per sensibilizzare la popolazione e avviare un confronto con gli amministratori locali.

“I disagi dei dipendenti di Poste Italiane si riverberano sulla clientela – spiegano i segretari di categoria –. Ad esempio, per quanto riguarda gli impiegati, la mancanza di investimenti sulle attrezzature con conseguenti blocchi del sistema informatico (come già accaduto) crea disagio all’operatore, ma soprattutto non gli consente di dare adeguata assistenza all’utente”.

I sindacati hanno deciso due momenti di mobilitazione. Il 29 settembre, in tarda mattinata, ci sarà un presidio davanti alla filiale all’Arco d’Augusto di Rimini, mentre il 5 ottobre alle 20.30 in Sala Marvelli (sede della Provincia, via Dario Campana 64, Rimini) è prevista un’assemblea aperta a cittadini e lavoratori delle Poste, tra sindacati e sindaci della provincia.

Notizie correlate
di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna