venerdì 14 dicembre 2018
In foto: Sembra profilarsi l'assoluzione per gli agenti della polizia municipale di Rimini accusati di aver colpito un ambulante senegalese durante un controllo del 2008 facendogli perdere due incisivi, e aver poi dichiarato il falso per coprire l'accaduto.
di    
lettura: 1 minuto
mer 6 lug 2011 19:50 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto 8
Print Friendly, PDF & Email

Oggi pomeriggio in tribunale a Rimini si è conclusa l’udienza preliminare del processo che ne vede uno accusato di lesioni gravi e sette di calunnia e falso ideologico.
Il senegalese, il 32enne Djili Niang, ha ribadito la propria versione dei fatti. Poi c’è stata una lunga discussione tra i periti medici delle parti, che sostengono posizioni contrapposte.
Durante il processo è infatti emerso il referto di una Tac svolta all’ospedale di Cattolica, e poi andata persa, secondo cui il senegalese era già privo di due incisivi nel 2004.
Secondo i periti del senegalese, invece, l’uomo ha perso entrambi i denti nello scontro con i vigili.
Mentre la consulente del tribunale sostiene che l’uomo fosse già senza un dente nel 2004 e abbia perso l’altro il 7 agosto 2008, ma a causa di una patologia dell’osso mandibolare il distacco potrebbe essere stato non traumatico.
Il 15 luglio il gup, dottoressa Di Rienzo, deciderà se rinviare a giudizio gli agenti, o pronunciare una sentenza per rito abbreviato.

Altre notizie
di Andrea Polazzi
di Redazione
FOTO
Notizie correlate
di Simona Mulazzani
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE SUL METEO