martedì 11 dicembre 2018
In foto: La tassa di soggiorno è ormai una scelta inevitabile anche per la Riviera: è questo il tema che si sta riproponendo in questi giorni nel riminese. Se le grandi città d'arte come Firenze e Roma applicano la tassa di soggiorno già da tempo, come stanno affrontando la questione gli altri centri balneari italiani?
di    
lettura: 2 minuti
lun 11 lug 2011 19:31 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
2 min 6
Print Friendly, PDF & Email

Per molti resta una prospettiva più o meno inevitabile, per qualcuno è già realtà. Abbiamo indagato lungo lo stivale.

Chi può rimanda, ma qualcuno alla tassa ci è già dovuto arrivare. Come a Otranto, dove è scattata il primo luglio. Nella stazione balneare più frequentata della Puglia, ogni turista – bambini esclusi – paga da uno a due euro per i primi 5 giorni di soggiorno. Per rendere meno fastidioso il balzello, il comune s’è inventato una card che permette libero accesso a internet in alcune zone della città, bici gratis, sconti per mostre e parcheggi, visite gratuite della città. I turisti finora sono stati abbastanza collaborativi – ci spiegano dall’Apt – anche se c’è chi si è lamentato perché ha scoperto della tassa solo a prenotazione avvenuta. Gli operatori turistici hanno chiesto e ottenuto dall’amministrazione, l’istituzione – a fine stagione – di una commissione per decidere come utilizzare i nuovi introiti. Niente tassa di soggiorno, per quest’anno, in centri come Sanremo e Jesolo. E neppure in Versilia: per quest’anno non se ne parla, spiega il presidente dell’APT versiliana Massimo Lucchesi. Ma il dibattito, visti anche i chiari di luna dei bilanci, si riaprirà dopo l’estate. “Il tentativo è di rimandarla il più tardi possibile, e prima andrà comunque fatta chiarezza sulla destinazione dei fondi: qualcuno teme che vadano a finire nei bilanci comunali per capitoli non necessariamente turistici”. C’è anche un problema normativo: là fino a oggi si è ragionato in termini di ambiti turistici, per cui non c’è neanche un vero elenco dei comuni a valenza turistica. C’è chi è tra color che son sospesi, come il comune salernitano di Camerota (nella foto), che l’ha già approvata ma la applicherà dal 2012. Tornando in Puglia, sul Gargano a Rodi, causa ristrettezze, l’hanno dovuta applicare quest’anno: da 80 centesimi a 1,50 euro, tutto – assicura l’Amministrazione – per progetti di accoglienza. A Vieste, il principale centro del distretto turistico pugliese, invece se ne riparlerà. L’amministrazione appena insediata ha preferito rimandare l’argomento. Ma sarà un dibattito complesso: molti degli amministratori locali, ci spiegano dall’APT, sono anche operatori turistici. Chissà quale delle due anime avrà la meglio.

(Newsrimini.it)

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE SUL METEO