mercoledì 26 giugno 2019
menu
In foto: Le parole di mister Fabio Traviglia in vista della prossima stagione sportiva.
di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 28 giu 2011 14:56 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Dopo ben dieci anni si è tornati a conquistare un titolo a livello di settore giovanile e il merito va alla formazione juniores che è riuscita nell’impresa di vincere il campionato regionale pur non partendo con i favori del pronostico -si legge in una nota arrivata dalla società-.

I giovani biancorossi hanno disputato una stagione fantastica condita da numeri importanti. Nella regular season che ha visto il Pretelli Rimini terminare al secondo posto ad un punto dal Torresavio Cesena, la formazione riminese ha totalizzato ben 11 vittorie, 3 pareggi e due sole sconfitte. Ancora meglio nei play off dove ha ottenuto percorso netto con 5 vittorie in 5 partite compresa la finalissima di Imola contro il Kaos Ferrara.

La corsa dei biancorossi si è fermata ad un passo dalle Final Eight nazionali nel doppio confronto con la Fenice Mestre che però si è rivelata superiore, anche se i ragazzi riminesi non hanno certo demeritato. Un stagione comunque fantastica che ha regalato tante soddisfazioni in casa Pretelli, soprattutto perché il risultato è stato raggiunto oltre ogni più rosea previsione. Condottiero di questa squadra è stato il Mister Fabio Traviglia, già giocatore in passato del calcio a 5 Rimini, nonché allenatore per due stagioni della prima squadra.

“Siamo partiti senza proclami giocando partita dopo partita e con il lavoro e l’impegno di tutti si è arrivati ad un risultato storico, grande merito dei ragazzi che si sono applicati con grande impegno e dedizione”, commenta il tecnico riminese.

Comincia a dare i suoi frutti quindi il lavoro che la società biancorossa da diverso tempo porta avanti sul settore giovanile, con tanti ragazzi che sono arrivati negli anni a vestire la maglia della prima squadra. “Già tre o quattro ragazzi sono stati protagonisti con buone presenze in prima squadra e sicuramente la prossima stagione faranno parte in pianta stabile della prima squadra, poi dipenderà molto da loro e dalla loro voglia di impegnarsi e sacrificarsi, ma sono pronto a scommettere che qualcuno potrà giocare in futuro in campionati importanti”.

Sul futuro di questa juniores è ancora presto per parlare, anche se verrà aperto probabilmente un nuovo ciclo. “Non ho ancora parlato con la società ma lo faremo a breve”, prosegue il tecnico riminese”. Visto e considerato che 5 giocatori passeranno di età e sicuramente 3-4 di questi andranno a far parte in pianta stabile della prima squadra, penso che l’intento della società per la prossima stagione sia quello di lavorare già sui ragazzi del ‘94 e ‘95 e cercare di crescere per il futuro. Al momento credo che ripetere il campionato di quest’anno sia difficile, ma il lavoro e il sacrificio pagano sempre e sono certo che avremo una juniores comunque competitiva anche la prossima stagione”.