martedì 11 dicembre 2018
In foto: Ora la serie tra le prime due della classe è sull'1-1.
di    
lettura: 4 minuti
ven 24 giu 2011 23:51 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
4 min 6
Print Friendly, PDF & Email
Reading Time: 4 minutes

La Fortitudo vince gara2 (4 a 3) e pareggia la serie. Titani traditi dai rilievi in un finale ricco di pathos – si legge sul sito ufficiale della Fortitudo Bologna -. Al fuoricampo di Castellitto ha risposto Ramos all’ottavo inning, ma al cambio di campo il nuovo “ribaltone”. Grande prova di Infante, ottimo Cillo sino al quinto inning, prima vittoria di Pugliese, Salvezza di Ribeiro.
Ottima cornice di pubblico al Gianni Falchi, favorita anche da condizioni climatiche che hanno invogliato i bolognesi a passare una serata all’aperto e godersi lo spettacolo fra le prime due della classe.

Non ha mancato all’appuntamento anche il neo assessore allo sport della città di Bologna, Luca Rizzo Nervo, per la prima volta al Gianni Falchi, almeno nella sua nuova veste istituzionale.

La partita non ha tradito le attese, a sancire ancora una volta l’equilibrio di valori fra le due regine del campionato, entrambe costrette a rinunciare ai loro battitori di maggior potenza, Clemente per Bologna e Duran per San Marino. Il 4 a 3 finale a favore di biancoblu è figlio di una gara ricca di pathos e di emozioni.

Innanzitutto una bella sfida fra i due lanciatori partenti, che ha visto comunque Cillo prevalere su Granados nelle prime cinque riprese. I biancoblu, infatti, si sono subito portati in vantaggio, molto aggressivi sui cuscini, con un eccellente Infante (3 su 4 per lui) autore di un singolo e due basi rubate, per segnare sulla battuta in diamante di Mazzuca.

Al quarto inning il raddoppio, propiziato da un lampo di Castellitto, autore del suo terzo fuoricampo IBL. Tanta fatica per essere però acciuffati “in un amen” al sesto inning, quando si è fatta sentire la stanchezza del partente bolognese, che ha trovato più difficoltà nel controllo dei lanci, per poi subire un doppio da Vasquez e i punti del pareggio battuti da Ramos e Chapelli.

E per fortuna (per i bolognesi) Granato si è fidato troppo delle proprie gambe, auto eliminandosi nel tentativo di una improbabile rubata di terza. Palla ai rilievi e poteva costare davvero cara la seconda valida subita in 8 riprese lanciate in Italia da Nick Pugliese, cioè il fuoricampo dell’ex, Jairo Ramos, che a un inning dalla fine portava clamorosamente in vantaggio gli ospiti.

La prima “virtuale” sconfitta del forte rilievo italoamericano si è invece trasformata in prima “reale” vittoria IBL. Il lieto fine è stato scritto nella seconda parte dell’ottava ripresa, nella quale il manager Bindi ha alternato ben tre lanciatori (Avvento, Staehely e Palanzo). Ancora una volta è stato Infante a suonare la carica con un doppio, poi a basi piene sono entrati due punti “forzati” sul colpito di Angrisano e sulla base ball per Castellitto. Ha completato il lavoro Yulman Ribeiro, ottenendo la sua terza salvezza stagionale.

IL TABELLINO
T&A San Marino 000 002 010 = 3
Unipol Bologna 100 100 00X = 2

San Marino: Granato (ss) 0/4; Avagnina (es) 0/2; Vasquez (1b) 1/4; Ramos (dh) 1/4; Chapelli (ec) 1/4; Imperiali (2b) 2/4; Suardi (ed) 0/3; Pantaleoni (3b) 1/3; Albanese (r) 0/2 (ph, Reginato 1/1). Totale 7/31.

Bologna: Infante (ss) 3/4; Ermini (es) 0/3; Mazzuca (3b) 1/3; Ramirez (ec) 1/4; Angrisano (dh) 0/2; Castellitto (ed) 2/3; Sartori (1b) 0/4; Sabbatani (r) 0/3; Santaniello (2b) 0/3. Totale 7/29.

Note: DOPPI: Vasquez, Infante; Fuoricampo: Castellitto, da 1 al 4°; Ramos, da 1 al 8°; RBI: Ramos (2), Chapelli, Mazzuca, Angrisano, Castellitto (2).
Lanciatori: Granados (Sm): 5 rl; 5 bv; 1 bb, 1 so, 2 er; Avvento (Sm): L, 2 rl; 2 bv; 0 bb, 0 so, 2 er; Staehely 0.0 rl; 0 bv; 1 bb, 0 so, 0 er ; Palanzo 1 rl; 0 bv; 1 bb, 0 so, 0 er ; Cillo (Bo): 6 rl; 4 bv; 3 bb, 3 so, 2 er; Pugliese (Bo): W, 2 rl; 1 bv; 1 bb, 2 so, 1 er; Ribeiro (Bo): S, 1 rl; 2 bv; 0 bb, 0 so, 0 er.

La cronaca
Un colpito (Avagnina) e un lancio pazzo per l’avvio di Cillo, più complicata la vita di Granados, che al cambio di campo subisce subito la valida di Infante. L’interbase ruba la seconda, poi la terza e segna sull’eliminazione in diamante di Mazzuca. 1 a 0. Con due eliminati batte valido Ramirez, anch’egli ruba la seconda e la terza base, con Angrisano in prima per quattro ball, ma Castellitto non converte l’occasione. Al secondo inning, singolo di Imperiali, ma Suardi batte in doppio gioco. Ancora singolo di infante al terzo, ma seguono tre eliminazioni. Gara che sembra in mano ai lanciatori, ma un “solo homer” di Castellitto infuoca la platea biancoblu al quarto inning, per il raddoppio. 2 a 0. La palla oltrepassa il recinto di sinistra. Due passaggi gratuiti a Pantaleoni e Suardi al quinto inning sembrano presagire un calo del fin qua ottimo Cillo, ciò avviene in effetti al sesto inning. Base a Granato, che ruba la seconda, poi prova ad “allungarsi” in terza base, ma è eliminato dall’assistenza di Santaniello. L’attacco però prosegue con il colpito su Avagnina, seguito dal doppio di Vasquez. I due uomini in posizione punto vengono entrambi mandati a segno dal ground out di Ramos (2 a 1) e dalla valida di Chapelli (2 a 2), prima che il partente biancoblu riesca a chiudere finalmente l’inning. Nella parte bassa della ripresa, Mazzuca tocca una valida al centro che segna anche la fine della gara di Granados. Sale sul mound Avvento, che fra un pickoff e l’altro elimina i due successivi battitori, mentre per il terzo ci pensa lo stesso Mazzuca, facendosi cogliere nel tentativo di rubare la seconda. Al settimo inning cambio di pitcher anche in casa bolognese. E’ il momento di Pugliese, che concede un passaggio gratuito, ma è aiutato da un doppio gioco della difesa per chiudere l’attacco ospite. Al cambio di campo subito una valida di Castellitto. Anche in questa occasione il rilievo dei Titani non lesina i pickoff in prima base e nel frattempo, pur consentendo l’avanzamento dell’esterno italoamericano su balk, elimina comunque gli ultimi tre uomini del lineup biancoblu. All’ottavo inning, con già due eliminati, arriva la classica “vendetta dell’ex”. Jairo Ramos Gizzi gela il pubblico bolognese con un fuoricampo a destra che porta in vantaggio la T&A. 2 a 3. E’ il primo punto subito in Italia da Nick Pugliese, frutto della seconda valida subita in otto riprese lanciate. Uno scatenato Infante suona la carica nella seconda parte della ripresa, la sua bordata scavalca Chapelli, è un doppio al centro. Segue un colpito su Ermini. E’ l’ora della doccia anche per Avvento, che lascia il mound a Staehely. Quattro ball del nuovo rilievo su Mazzuca riempiono i cuscini. E’ l’occasione per Ramirez. Bindi sale a sorpresa sul mound e cambia il nuovo lanciatore, puntando su Palanzo. La volata dell’esterno dominicano è troppo corta, i corridori non si muovono dai cuscini. Sul conto pieno (prima i tre ball, poi uno strike e una battuta in foul), la palla scotta nelle mani di Palanzo e colpisce Angrisano, producendo il punto “forzato” del nuovo pareggio. 3 a 3. Molto esterno il quarto ball su Castellitto, e l’Unipol è di nuovo sopra. 4 a 3. Sartori batte in doppio gioco e l’attacco finisce così. Tocca a Ribeiro difendere la Fortitudo dall’ultimo assalto dei Titani. Subito due eliminati, poi al box si presentano due ex, Giovanni Pantaleoni e Mattia Reginato (da pinch hitter), entrambi battono un singolo, uno a destra e uno a sinistra. Brividi sugli spalti, ma la battuta di Granato non fa male.

Altre notizie
di Icaro Sport
VIDEO
Notizie correlate
di Icaro Sport
di Icaro Sport
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE SUL METEO