mercoledì 16 gennaio 2019
In foto: Si è insediato ieri il nuovo consiglio generale della Fondazione Carim, nell'assetto definito lo scorso 2 marzo. Il primo atto è stata l'elezione dei vertici. Alla presidenza è stato confermato Massimo Pasquinelli. Il vicepresidente è Bruno Vernocchi.
di    
lettura: 1 minuto
mar 5 apr 2011 12:05 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Nella votazione spiccano le tre schede bianche di Comune, Provincia e Camera di Commercio, motivate con un atteggiamento di “attesa costruttiva” verso i prossimi provvedimenti concreti della Fondazione.

Dopo le polemiche dei mesi scorsi legate alle due correnti contrapposte all’interno della Fondazione, le prime parole di Pasquinelli e Vernocchi sono state un richiamo alla compattezza.

“Unità e responsabilità sono le parole d’ordine del mandato che si apre oggi – è il commento unanime del Presidente e del Vice Presidente – e che ha di fronte cinque anni nei quali la Fondazione è chiamata ad affrontare sfide estremamente impegnative. Alcune contingenti – come la salvaguardia di quel patrimonio comune costituito da Banca Carim – altre di più lungo respiro che riguardano soprattutto la risposte alle molte e importanti istanze che ci provengono dalla nostra comunità. Per lavorare con efficacia, nell’interesse di tutti, abbiamo bisogno di un clima sereno e costruttivo come quello che si è riusciti a creare in Fondazione e, soprattutto, della fiducia e dell’appoggio dell’intera comunità sociale, istituzionale ed economica della provincia di Rimini”.

L’Assemblea dei Soci della Fondazione si riunirà nelle prossime settimane per completare la formazione del Consiglio Generale nella sua composizione di 18 membri.
I posti lasciati liberi da Pasquinelli e Vernocchi dovrebbero essere occupati da Carlo Carli e Nando Piccari.

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna