martedì 22 gennaio 2019
In foto: Prima per qualità ambientale di aziende ed enti pubblici (marchio EMAS); seconda, dopo la Lombardia, per l'impegno contro l'impatto ambientale di prodotti e servizi (standard Iso 14001). Questi i dati in arrivo dalla Regione insieme a 500mila euro.
di    
lettura: 1 minuto
mar 19 apr 2011 13:38 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

1327 certificati Iso nel 2010, 189 in più rispetto al 2009: al primo posto Ravenna (266) con il 20% del totale regionale; seguono Bologna (253), Reggio Emilia (172), Modena (166), Parma (137), Forlì-Cesena (116), Ferrara (85). In coda Rimini e Piacenza, rispettivamente con 67 e 65 certificati, insieme il 10% del totale. I settori più interessati sono stati quello metalmeccanico (262 certificati), dei servizi pubblici (197 certificati) e della produzione di energia, gas e acqua (183 certificati).
In leggero calo l’EMAS con 185 adesioni nel 2010 contro le 187 dell’anno precedente: tra i settori in crescita, quello agro-alimentare con 79 imprese certificate e i servizi (43 imprese), in particolare per le attività di riciclo dei rifiuti.
“Si tratta di un trend virtuoso – commenta l’assessore regionale all’ambiente Sabrina Freda – che testimonia il radicarsi sul territorio regionale di una diffusa cultura della sostenibilità ambientale e di una crescente attenzione all’impatto che processi e sistemi produttivi hanno sull’ambiente e sulla vita dei cittadini. La Regione sostiene questo impegno. Nelle prossime settimane uscirà un bando che stanzia 500 mila euro per l’ulteriore diffusione della registrazione Emas nei Comuni, nelle Province e nella pubblica amministrazione del territorio emiliano-romagnolo ”.

Altre notizie
al servizio di quattro comuni

Inaugurato il nuovo sportello Hera

di Redazione
di Redazione
Notizie correlate
di Redazione
VIDEO
di Simona Mulazzani
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna