mercoledì 23 gennaio 2019
In foto: Si è aperta ed è stata subito rinviata l'udienza preliminare del procedimento che vede alcuni architetti, tra cui un dirigente comunale di Cattolica, accusati di aver gonfiato delle fatture relative al Bus Terminal per avere dalla Regione anticipi sui contributi.
di    
lettura: 1 minuto
mer 13 apr 2011 15:15 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Un’indagine nata dalle denunce di un consigliere comunale del Pdl, che, attraverso l’ex consigliere regionale Gioenzo Renzi, aveva portato la vicenda anche in consiglio regionale con un’interrogazione. Da qui era arrivato lo stop ai finanziamenti. Nel procedimento il commissario prefettizio di Cattolica, Nazareno De Franco, si è costituito parte civile.

Il consigliere uscente del Pdl Maurizio Carli, autore delle denunce, era presente anche oggi in tribunale, ma non ha potuto assistere all’udienza, a porte chiuse. “Ho chiesto di poter avere accesso al fascicolo, in quanto rappresentante, come persona che ha fatto le denunce, degli interessi dei cattolichini, ma il giudice me lo ha negato, in quanto non portatore di interessi legittimi”. Contro questa decisione Carli ha annunciato di voler fare appello al presidente del tribunale di Rimini.

Intanto, il Bus terminal, la cui gestione, assegnata tramite bando, è stata sospesa dal commissario, comincia a fare i conti anche con l’usura: è crollato un controsoffitto, e la struttura comincia ad essere piena di crepe.

Altre notizie
al servizio di quattro comuni

Inaugurato il nuovo sportello Hera

di Redazione
di Maurizio Ceccarini
Notizie correlate
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna