martedì 22 gennaio 2019
In foto: I buoni risultati dell'abbassamento sperimentale delle scogliere a Viserba rischiano di essere vanificati da un pericoloso "pennello". A farsi portavoce di alcuni operatori di Viserba è Gabriele Bernardi, consigliere di quartiere del PDL.
di    
lettura: 2 minuti
lun 28 mar 2011 21:30 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

Il “pennello” di scogli in questione è stato rinforzato proprio in occasione dei recenti interventi, ma lasciarlo così com’è, spiega Bernardi, sarebbe deleterio per il problema degli scarichi a mare.

L’intervento di Bernardi:

La sperimentazione alla scogliera di Viserba che si sta portando avanti in questi mesi sta ottenendo ottimi e sempre più evidenti risultati.
Incredibile come con un intervento da poco si possa ottenere una resa del genere, tutto poi a dispetto delle cassandre.
Il profilo della battigia si è uniformato,la spiaggia ha guadagnato diverse centinaia di metri,sono tornati i segni delle onde sulla sabbia e dulcis in fundo, il livello dell’acqua si è alzato in maniera incredibile, in poche settimane a 10 metri dalla scogliera si è passati da 40-50 cm a 170-190 cm. La scogliera rasata ha inoltre risposto bene ad ogni mareggiata,
di tramontana, di levante o di greco che fosse, allungando la spiaggia invece di eroderla,cosa non da poco visti i problemi di erosione riscontrati in mezzo litorale.
Adesso il problema però è anche un altro.
Il pennello della fossa dei mulini di Viserba è a detta di tanti esperti e tecnici che in questi anni si sono succeduti al quartiere 5, una delle cause dei fenomeni erosivi che negli ultimi 10 anni si sono manifestati nelle spiagge di Viserba a sud del porticciolo.
La sperimentazione che in questi mesi si sta portando avanti dopo 3 anni di guerra guerreggiata, è figlia di questi problemi, non è chiaramente tutta colpa del pennello, gli scarichi incidono non poco sulla qualità della balneazione e del fondale, ma a quanto pare incide eccome sul movimento delle correnti.
Qualcuno aveva anche chiesto di rimuoverlo, anche se, almeno visivamente a noi sembra ci protegga un po’ dal flusso degli scarichi della fossa che arrivano ad ogni pioggia. Quel che accade però è che il pennello è stato addirittura rinforzato durante gli ultimi lavori di “rasatura” della scogliera e questo ci sembra davvero un errore madornale oltre che completamente assurdo.
Ma come, cerchiamo la cura ad un grave problema e nel mentre rinforziamo una scogliera che di fatto ne è concausa? Si dice abbiano “appoggiato” li gli scogli temporaneamente, ma in attesa di che cosa non si sa, notizie non ne abbiamo, e comunque
ci avevano assicurato che quegli scogli sarebbero rimasti li solo pochi giorni, ma ormai è più di un mese. Siccome negli anni quel pennello si è
allungato sempre più, non vorremmo che oltre a compromettere la sperimentazione quegli scogli poi restassero li per sempre, andando per imperizia, a peggiorare ulteriormente la situazione della balneabilità e trasformando quello che per ora è a tutti gli effetti un successo, in un fallimento colossale ed un inutile spreco di soldi.
Quegli scogli devono essere rimossi al più presto, ripristinando il pennello cosi com’era e
stando ben attenti a rimuovere i massi caduti sul fondale, che abbiamo visto compromettono il giro delle correnti,le velocizzano e creano i noti problemi.

Notizie correlate
di Redazione
mediazione aziendale

Che cos'è il workfare?

di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna