Indietro
menu
Politica Rimini

Gobbi (PD): polemiche nascono da modo diverso di vedere la politica

In foto: “E' ovvio che è una fase delicata e si spera sempre che le cose possano procedere senza polemiche. Direi comunque che siamo nella normalità politica del nostro paese.” E' il commento sulla corsa alle primarie (vedi notizia) del segretario provinciale del PD Lino Gobbi alla trasmissione Tempo Reale (Radio Icaro-Icaro Tv).
di    
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 2 nov 2010 13:06 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Capitolo Pazzaglia. “Noi abbiamo un percorso programmatico e Pazzaglia – spiega Gobbi – non fa osservazioni su questo ma lamenta il fatto che dopo tanti anni di battaglie alcuni uomini che lui pensava lo sostenessero non lo hanno fatto. Ieri sera gli ho parlato e mi ha anche detto di essere molto amareggiato per aver raccolto solo 12 firme in questi giorni su 1800 iscritti. Questo non vuol dire che il partito non tenga conto delle battaglie che ha portato avanti in questi anni: ad esempio nel nostro programma si dice chiaramente che lo sviluppo urbanistico, tema caro a Pazzaglia, non potrà più essere quello di prima.”
La querelle tra i candidati però non riguarda il solo Pazzaglia. “Io sono il garante di questa fase ma non voglio essere reticente. Il dibattito – dice Gobbi – si sta animando perché c’è un modo diverso di vedere la politica: da una parte c’è l’onorevole Marchioni che introduce elementi di innovazione e cambio generazionale, dall’altra parte Nando Fabbri parla si competenze di esperienza e di capacità. Credo che se tutti rispetteranno il codice etico che i candidati hanno firmato e si metteranno a disposizione sarà possibile incrociare tutto: esperienza ed innovazione. Almeno questo è quello che mi auguro.”
Nella situazione di crisi attuale per governare Rimini servirà un candidato forte. “Chi sarà chiamato a governare la città – spiega Gobbi – dovrà per prima cosa sostituire il concetto di espansione con quello di riqualificazione. Sarà necessaria una sorta di rivoluzione. In questa situazione il sindaco non potrà certo essere sostenuto solo da “blocchi” definiti ma dovrà essere valutato per le cose che saprà fare.”