martedì 15 ottobre 2019
menu
In foto: Lunedì Rimini ricorda il sacrificio di Mario Capelli, Luigi Nicolò, Adelio Pagliarani, i tre martiri riminesi trucidati il 16 agosto 1944 dai nazi-fascisti.
di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
dom 15 ago 2010 10:01 ~ ultimo agg. 13 ago 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

l’Amministrazione comunale celebrerà la ricorrenza alle 10 con una cerimonia commemorativa che partirà da piazza Cavour, in piazza Tre Martiri, piazza Ferrari e via Ducale, per arrivare nella piazza dedicata alle vittime dell’eccidio. Saranno deposte corone commemorative.
Interverrà la “Banda Città di Rimini”.

La manifestazione proseguirà alle 21,30 nella Corte degli Agostiniani in via Cairoli 42, con il concerto del cantautore livornese Bobo Rondelli, organizzato dall’Anpi e dal Comune di Rimini. Il concerto sarà preceduto dalla lettura dell’ “Elegia dei Tre Martiri” del giornalista e scrittore riminese Guido Nozzoli, letta dall’attore Silvio Di Giovanni.
L’ingresso é libero.

La presentazione dell’artista:

Bobo Rondelli, livornese, si è distinto in questi anni per la raffinata ricerca di nuovi ritmi e un nuove proposte artistiche. La collaborazione con il funambolico pianista Stefano Bollani e con numerosi registi, cosi come le frequentazioni ai più prestigiosi premi musicali italiani, il Tenco e il Ciampi su tutti, testimoniano la sua completa e piena maturazione. Autore per tutte le sensibilità, capace con il suo istrionismo e la sua estroversità in salsa livornese di piacere in maniera trasversale sia i più giovani che quelli meno giovani, incarna uno degli aspetti più significativi che oggi rappresentano l’Anpi, l’unione generazionale tra i giovani e gli anziani. In passato Rondelli era leader del gruppo Ottavo padiglione, nome preso a prestito dal reparto di psichiatria dell’ospedale civile di Livorno. Il maggior lascito musicale del gruppo è il brano “Ho Picchiato La Testa”, prodotto da Pirelli (Litfiba), che impazza nelle radio e vende ben 30.000 copie. Sciolta la band, Rondelli prosegue la carriera da solista, pubblica nel 2001 “Figli Del Nulla”, un disco che esprime tutta la personalità cantautorale di Bobo, seguito un anno dopo da “Disperati, Intellettuali, Ubriaconi”, prodotto da Stefano Bollani. Rondelli vince, nel 2001, il Premio Ciampi per il miglior arrangiamento. Negli anni successivi esce un “best of “ degli Ottavo Padiglione e Bobo si dà alle colonne sonore di film quali “Sud Side Story” di cui è il protagonista e “Andata E Ritorno” di Alessandro Paci.
Seguirà un lungo periodo di silenzio che terminerà nel 2009, anno della rinascita di Bobo e anno di pubblicazione, per Live Global, del suo nuovo disco. “Per Amor Del Cielo”, prodotto da Filippo Gatti, uscito il 22 Maggio che contiene nove brani cantautorali, caratterizzati dall’intimismo di una persona che ha fatto della riflessione uno stile di vita e che per questo si farà apprezzare dal pubblico livornese, italiano e non solo. Risale a Maggio 2009 anche il film “L’uomo che aveva picchiato la testa” che l’apprezzatissimo regista Paolo Virzì dedica a Bobo, che ne è anche attore protagonista. L’incontro tra questi due vecchi amici, Virzì e Rondelli, dipinge un affascinante spaccato della loro città natale Livorno e omaggia Bobo, il geniale e sconsiderato cantautore che di questo mondo vivace e plebeo è la voce più autentica, esilarante e commovente.

www.anpi.rimini.it

Altre notizie
Notizie correlate
Nessuna notiza correlata.
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna