21 novembre 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

Famiglie numerose. All’assemblea nazionale presentato Progetto Genesi

Riccione

2 agosto 2010, 08:44

in foto: Si è svolta ieri a Riccione l'Assemblea nazionale delle famiglie numerose. Nel convegno è stato presentato il progetto Genesi, un documento con i suggerimenti per una fiscalità più equa e a misura di famiglie.

La nota stampa

La famiglia, fulcro della società? Allora si intervenga di conseguenza. Anche con una fiscalità a misura di famiglia. In grado di valorizzare e sostenere babbo, mamma e figli.

L’ANFN lancia, oggi domenica 1 agosto, dal parco di Oltremare, la propria proposta di fiscalità a misura di famiglia. La proposta di legge denominata “Genesi” è stata redatta da un gruppo di lavoro coordinato da Alessandro Soprana, responsabile politico dell’Associazione.

In occasione della V assemblea nazionale, Soprana ha illustrato nei dettagli alle 300 famiglie presenti a Riccione la proposta di legge.

Sono tre i punti cardine di tale proposta.

Primo. Introduzione quota di reddito non tassabile.

Con l’introduzione della quota di reddito non tassabile (indicata dall’ISTAT in 5.700 euro, circa 516 euro mensili), si introduce un valore minimo plausibile non tassabile a salvaguardia del minore.

Secondo. Rimborso per gli “incapienti”.

Lo Stato intervenga con gli appositi strumenti a sostegno delle famiglie che non dispongono di tale valore minimo plausibile a salvaguardia del minore.

Terzo. Rimborso tassa negativa.

Le famiglie che hanno reddito così basso da non dover pagare imposte di reddito, devono poter comunque usufruire delle detrazioni previste dallo Stato, ad esempio sulla ristrutturazione della casa, l’acquisto del frigorifero, etc.

“Il progetto ‘Genesi’ è pensato per tutte le famiglie, non solo per quelle extralarge – precisa Alessandro Soprana – e riguarda tutti i minori e gli studenti a carico, comunque non oltre il compimento del 26esimo anno di età oppure non oltre l’età prevista per la conclusione degli studi, comprese eventuali specializzazioni o praticantato obbligatorio per un anno. Lo Stato con un solo provvedimento darebbe un segnale di interesse e di sostegno alle famiglie ed eliminerebbe le odiose discriminanti economiche nei confronti delle coppie che desiderano avere figli”.

“Non chiediamo regali e neppure favoritismi, – precisa Paolo Nanni, coordinatore provinciale di Rimini dell’ANFN – vorremmo solo che fosse riconosciuto il valore della famiglia e di chi investe sui figli. E che fosse riconosciuto nei fatti e non solo a parole”.

“Basta con questa storia che le risorse non ci sono. – rilancia il presidente ANFN, il 49enne bresciano Mario Sberna – Le risorse ci sono e vanno solo ridistribuite”.

L’ANFN, nata nel 2004, registrerà proprio a Riccione la tessera socio n. 10.000.

È aperta a famiglie con almeno 3 figli (sostenitori) o 4 figli (soci), tra naturali, adottati o affidati. Soci e sostenitori hanno gli stessi diritti e doveri.

Le famiglie più numerose iscritte all’Associazione contano 15 figli e abitano rispettivamente a Monza e Tarcento (Udine).

Attualmente rappresenta 60mila persone.

In provincia di Rimini di Rimini è sorta nel 2004 con 20 soci. Attualmente le famiglie associate sono 200, per un totale di circa 1.200 persone.

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454