giovedì 12 dicembre 2019
menu
Economia Riccione

Sede decentrata Enoteca Regionale. Bezzi (CIA) lamenta esclusione

In foto: Ben venga la sede decentrata dell'Enoteca regionale a Riccione, ma la Confederazione Agricoltori della Provincia si rammarica di essere stata esclusa dall'operazione.
di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 3 lug 2009 13:24 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

A parlare per l’associazione è il presidente della Confederazione Italiana Agricoltori provinciale, Walter Bezzi.
La sede riccionese dell’Enoteca regionale “Gusta Vino” è stata inaugurata il 30 giugno scorso nella sede in Via Lungomare della Libertà.

La lettera è stata inviata al presidente dell’Enoteca Regionale Emilia Romagna Gian Alfonso Roda, all’Assessore Regionale all’Agricoltura Tiberio Rabboni, al Presidente della Provincia di Rimini Stefano Vitali, al Presidente della Camera di Commercio Manlio Maggioli, al Sindaco di Riccione Massimo Pironi e per conoscenza al Consiglio interprofessionale Doc “Colli di Rimini” e Cia Emilia Romagna.

Il testo della lettera:

La scrivente organizzazione ha appreso, solo tramite stampa, dell’inaugurazione della sede decentrata dell’Enoteca regionale a Riccione, gestita in collaborazione con l’imprenditore Sig. Vincenzo Leardini.
Ricordando che da anni, l’insediamento di una sede decentrata dell’Enoteca in Riviera è una linea di indirizzo dell’intero territorio riminese, siamo rammaricati per non aver potuto fornire il nostro contributo insieme alle rappresentanze istituzionali del territorio -Camera di Commercio e Provincia di Rimini- nella realizzazione di una importante presenza per l’intero mondo viticolo regionale ma anche per quello riminese.
Prendendo atto della definizione della location già avvenuta, ci permettiamo di ricordare che l’Enoteca regionale dovrebbe operare sui territori in sinergia con le rappresentanze istituzionali e del mondo delle imprese. In tal senso si auspica siano garantiti:
gli interessi collettivi con strategie concertate di promozione e di diffusione delle produzioni regionali e in particolari delle etichette riminesi;
la stretta collaborazione del gestore con l’Assessorato provinciale Agricoltura e con il Consiglio interprofessionale della Doc “Colli di Rimini” per le iniziative di valorizzazione e di comunicazione del settore. E’ di queste settimane il decreto ministeriale per l’ampliamento alla tipologia Sangiovese della Doc “Colli di Rimini”.
Il territorio di Rimini ha bisogno di una unica voce per far comprendere la qualità, lo stile di vita e il cuore agricolo che lo anima.

A disposizione per qualsiasi chiarimento.

Il presidente

Valter Bezzi

La lettera è stata indirizzata a:

Gian Alfonso Roda

All’Assessore Regionale all’Agricoltura

Tiberio Rabboni

Al Presidente della Provincia di Rimini

Stefano Vitali

Al Presidente della Camera di Commercio

Manlio Maggioli

Al Sindaco di Riccione

Massimo Pironi

e p.c. Consiglio interprofessionale Doc “Colli di Rimini”

e Cia Emilia Romagna

Altre notizie
di Andrea Polazzi
di Redazione
di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna