giovedì 17 gennaio 2019
In foto: "Un plauso ai parlamentari dei diversi schieramenti che hanno contribuito con il loro voto all'impegnativa scelta di sostenere in ambito internazionale il diritto di ogni donna a non essere indotta o costretta ad abortire".
di    
lettura: 1 minuto
ven 17 lug 2009 12:51 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

A rivolgerlo, a nome dell’Associazione Papa Giovanni XXIII, è il responsabile generale Giovanni Paolo Ramonda.
“La nostra esperienza diretta – si legge in una nota – ci porta a dire che questo non avviene solo nei paesi del terzo mondo ma anche
in Italia. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un continuo aumento di donne indotte o costrette all’aborto fra quelle che
ci contattano al nostro numero verde per chiedere
aiuto”.
A giudizio di ramonda, “la costrizione avviene in genere dai genitori per le minorenni, dal padre del bambino o dal datore di lavoro,
talvolta dai tutori per donne con problemi mentali. L’induzione avviene da parte dei medici quando si sospettano problemi al
bambino, dagli assistenti sociali quando la donna è già da loro seguita, da un contesto sociale in cui per chi vuole abortire tutte le porte sono aperte, ma se vuole tenerlo sono
affari suoi”.
A tale riguardo, prosegue la nota , “ritenendo particolarmente grave e diffuso il fenomeno”, la
Comunità Papa Giovanni sta elaborando una proposta di legge per contrastarlo efficacemente. Se allora ci impegniamo a livello internazionale, bisogna che siamo i primi a dare il buon
esempio con politiche e stanziamenti importanti affinché ogni mamma incinta abbia il diritto di poter accogliere in condizioni dignitose il figlio che già porta in grembo”.

Notizie correlate
di Andrea Polazzi
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna