giovedì 22 agosto 2019
menu
In foto: Confermata, dalla Corte d'Assise d'appello di Bologna, la sentenza di primo grado per l'omicidio di Tamara Monti, l'addestratrice di delfini del parco Oltremare di Riccione uccisa con 25 coltellate da un vicino di casa, Alessandro Doto, il 2 febbraio 2007, "perché i suoi cani abbaiavano".
di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 17 giu 2009 16:56 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Con la loro decisione i giudici felsinei hanno confermato, in pieno, la sentenza emessa il 9 maggio del 2008 dal Gup di Rimini.
Chiamato a dirimere la questione con rito abbreviato il magistrato riminese, Lorena Mussoni, aveva condannato Doto a 14 anni di reclusione e tre di ospedale psichiatrico giudiziario da scontare prima del carcere.
Oggi, nel rigettare le richieste della difesa – che puntava alla totale infermità di mente per l’omicida – la Corte emiliana ha confermato il vizio, solo parziale, già stabilito in primo grado.
Adesso – e’ stato spiegato dai difensori di Doto -verrà presentato ricorso in Cassazione. A giudizio dei legali, sia in primo grado che in appello, infatti, non si sarebbe tenuto conto di un elemento “decisivo”. L’osservazione clinica in carcere – è stato puntualizzato – ha evidenziato stati di delirio da parte di Doto: questa condizione, secondo la difesa, denoterebbe, in maniera evidente, il vizio totale di mente – ossia l’incapacità di intendere e di volere – e non il semplice vizio parziale come sostenuto, invece, dai giudici di Rimini e Bologna.
In primo grado il Pubblico ministero aveva chiesto una condanna a 30 anni, ma le perizie
psichiatriche non erano state univoche e, così, il Gup aveva deciso per una pena ridotta.
L’omicidio di Tamara aveva generato forte commozione non solo in Riviera ma in tutto il Paese. La giovane – che venne attesa sotto casa dal suo omicida, un vicino che si lamentava del continuo abbaiare dei suoi cani – era originaria di Cantu’ e si sarebbe dovuta sposare con Robert Gojceta, un ragazzo belga-croato conosciuto proprio addestrando delfini, e con il quale divideva ancora il lavoro quotidiano con i cetacei al parco Oltremare.
Proprio il giorno dell’omicidio Tamara e Robert avrebbero dovuto cominciare il trasloco in una nuova abitazione, piu’ grande, con un giardino per il bassotto e il meticcio che avevano adottato.
(Newsrimini.it)

Altre notizie
di Redazione
di Maurizio Ceccarini
Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna