Indietro
menu
Ambiente Rimini

Sostenibile o insostenibile? La città in uno scenario controverso

In foto: Una città nel pieno del suo impegno per la sostenibilità. Anzi: una città disastrosa quanto a politiche ambientali. Così appare Rimini, a seconda dei punti di vista, nel dibattito che si è aperto in questi giorni.
di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 30 gen 2008 19:37 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Forza Italia, appoggiando quanto già espresso da commercianti e artigiani, presenta una Mozione al Consiglio Comunale chiedendo che l’amministrazione, invece di causare disagi con un blocco del traffico ritenuto inutile, rimedi alle numerose inadempienze, dalla mobilità all’edilizia, rispetto agli impegni assunti con l’Accordo Regionale per la Qualità dell’Aria. “Con le categorie abbiamo avuto un atteggiamento collaborativo, spiega l’assessore comunale all’ambiente Zanzini, ma a chi chiedeva una deroga totale non si poteva dire di sì”. Nei giovedì di blocco, denuncia la mozione, il trasporto pubblico non è per nulla incentivato. Ce n’eravamo già occupati una settimana fa: in caso di agevolazioni, l’amministrazione avrebbe dovuto rimborsare la Tram dei mancati introiti, ci aveva spiegato Zanzini, e dalla Tram non è arrivata nessuna proposta. Ma il bilancio non si copre coi biglietti, soprattutto quando sul bus l’evasione dei biglietti è alta, problema presentato oggi Renzi di AN in Commissione. Sotto accusa anche la difficoltà a reperire biglietti fuori dalle zone centrali.
I mezzi della Tram sono vetusti, attacca Forza Italia, e un bus vecchio inquina come 60 auto. Proprio ieri il Consiglio provinciale ha approvato l’aumento del capitale di Tram Servizi per l’acquisto di nuovi mezzi. Ma non serve a niente, rintuzza Forza Italia, finché la politica dell’azienda sarà di investire sul gran turismo, facendo tra l’altro concorrenza alle imprese locali, invece che sul trasporto pubblico. Domani torna il blocco, con orario 9-12.30 e 14.30-18.30. E anche l’orario divide: con la pausa di due ore, che Rimini adotta unica in Regione, si vogliono agevolare i cittadini. Ma che senso ha, chiede l’azzurro Lombardi, quando i negozi aprono alle 15.30? Da una parte chi stronca le limitazioni al traffico. Dall’altra chi, come gli assessori Rossini e Romani ospiti oggi di Errenne su Radio Icaro, chiede anche agli altri comuni riminesi di adottare iniziative simili. Rimini, così sostenibile, così antiecologica.
(Newsrimini.it)

Notizie correlate
Nessuna notiza correlata.