giovedì 18 luglio 2019
menu
In foto: Santa Sofia di Istanbul al Meeting per la mostra allestita nelle sale di Castel Sismondo che rimarrà aperta fino all'11 novembre.
di    
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
mer 22 ago 2007 18:17 ~ ultimo agg. 30 nov 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Mille anni di storia cristiana, cinquecento di storia musulmana e oggi museo. E’ questa la storia controversa di Santa Sofia di Istanbul alla quale è dedicata la grande mostra del Meeting: “Lo spazio della sapienza”. Ospitata a Castel Sismondo di Rimini propone una visita d’atomosfera attraverso foto, video, reperti e brevi testi delle cronache dell’epoca. I video accolgono il visitatore prima a Istanbul e poi rendono lo spazio di questa maestosa costruzione. Gli scatti sono di Franco Pagetti un fotografo di guerra, inviato del Time in Iraq. L’area dedicata ai mosaici ha cantata in sottofondo la divina lirturgia di San Giovanni Crisostomo, un modo, insieme ai reperti dei Musei Vaticani, per riportare la liturgia dove oggi non c’è più. Santa Sofia è anche un luogo che ha in sé il concetto di incontro tra le religioni e di dialogo, valori portati avanti negli anni dal Meeting. “Mostrare Santa Sofia al Meeting – ha commentato il curatore Riccardo Piol – vuol dire mostrare la sua bellezza, nonostante abbia sofferto il buio del tempo tra cui la quarta crociata e la presa ottomana. Questo edificio ha colpito tutti quelli che nei secoli l’hanno visitata e questa mostra vuole essere un’occasione per visitare Santa Sofia non ad Istanbul, ma a Rimini”.

Altre notizie
di Redazione
Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna