lunedì 20 maggio 2019
In foto: Se l'è cavata con la frattura del femore il tenente Renato Pagnoni, il 28enne riminese coinvolto ieri, col maggiore Galli, nell'incidente aereo che ha portato un 'Tornado' dell'Aeronautica militare di Ghedi a precipitare in un'area non abitata vicino a Migliarino, nel ferrarese.
di    
lettura: 1 minuto
gio 7 giu 2007 18:54 ~ ultimo agg. 30 nov 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

I due piloti, istruttore e allievo, si sono salvati utilizzando il dispositivo di espulsione ed azionando il paracadute non prima però di essersi accertati che il velivolo, cadendo, non avrebbe causato danni. Secondo alcuni testimoni, il Tornado ha perso il controllo ed è caduto al suolo, avvitandosi, tranciando le cime di alcuni alberi e colpendo con un’ala la parte laterale di un camion che si stava immettendo in superstrada. Illeso l’autista.
Una volta a terra il velivolo ha preso fuoco ed è esploso. I rottami si sono sparsi nel raggio di 2-300 metri. Scongiurato però il pericolo di tracce di uranio arricchito visto che l’aereo era disarmato e non contiene tracce della sostanza. Lo confermano fonti militari.
Proseguono intanto le indagini dei carabinieri di Ferrara e Portomaggiore per appurare le cause dell’incidente; un fascicolo e’ stato aperto anche dall’Aeronautica militare ed è stata nominata una commissione d’inchiesta.

Altre notizie
Uno era ricercato all'estero

Spaccio, due arresti dei Carabinieri

di Redazione
Notizie correlate
di Simona Mulazzani   
FOTO
di Maurizio Ceccarini   
disco femminista

Donna Circo

di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna