mercoledì 19 giugno 2019
menu
In foto: Questa mattina all'ex pastificio Ghigi sulla superstrada di San Marino Polizia Municipale di Rimini, tecnici del dipartimento di sanità pubblica dell'Ausl e guardia forestale sono intervenuti per un sopralluogo.
di    
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
mer 23 mag 2007 19:57 ~ ultimo agg. 30 nov 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

L’intervento é arrivato dopo le ripetute segnalazioni di un gruppo di cittadini che dal Colle di Covignano avevano notato le strane aperture sui capannoni.
Ad accelerare le verifiche, che da diversi mesi venivano sollecitate dagli abitanti della zona l’articolo sull’ultimo numero del settimanale il Ponte. Nottetempo si sono susseguiti furti e atti vandalici, anche grazie alla facilità di accesso nella struttura da una stradina laterale sterrata. A terra quantità abnormi di lana di vetro, cavi elettrici sventrati, chiusini pericolosamente aperti. E’ stato portato via tutto ciò che ancora poteva avere valore commerciale: ferro, rame, metalli vari. L’impianto elettrico è stato divelto con l’alta tensione ancora attiva. Le parti di copertura dei capannoni asportate – ha spiegato il dottor Angelo Rossi, responsabile della sanità pubblica – sono in alluminio, ma le azioni vandaliche hanno reso inefficace il primo intervento di bonifica che tempo addietro la proprietà aveva fatto per mettere in sicurezza le lastre in eternit, che invece ora si sono rifatte pericolose. Alla società, subentrata alla Colussi di Perugia che nel 2005 ha ceduto l’immobile, è stato imposto un immediato intervento di bonifica dell’area con lo smaltimento dell’amianto e la chiusura degli accessi per evitare altri furti. “La proprietà – ha dichiarato il dottor Rossi – è stata collaborativa”

Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna