martedì 17 settembre 2019
menu
In foto: Una lapide per ricordare il beato Alberto Marvelli, "l'ingegnere della carità", è stata scoperta questa mattina a San Marino. La biografia di Marvelli.
di    
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
mar 21 mar 2006 18:49 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

La cerimonia é avvenuta alla presenza delle più alte cariche sammarinesi, dei rappresentanti del Comune di Rimini, del vescovo di Rimini monsignor Mariano De Nicolò, e di Gede Marvelli, la sorella più piccola di Alberto.

Anche la Repubblica di San Marino ricorda Alberto Marvelli, proclamato beato da Papa Woityla a Loreto nel settebre 2004, e lo fa nel giorno del suo compleanno. Ieri è stata celebrata una messa solenne presieduta dal vescovo di San Marino-Montefeltro, monsignor Luigi Negri. Oggi, è stata scoperta la targa che ricorda la presenza di Alberto sul Titano nei difficili giorni della Linea gotica sul volgere del termine della Seconda guerra mondiale, quando migliaia di riminesi, in fuga dai bombardamenti, trovarono rifugio sul Monte e nelle sue gallerie. Alberto soggiornò per qualche tempo con la sua famiglia proprio a Palazzo Begni, attualmente sede delle Segreterie agli Esteri e alle Finanze, che allora era sede del collegio Belluzzi e dove oggi è stata scoperta la targa, realizzata in pietra del Monte Titano. Marvelli si distinse anche nella sua breve permanenza a San Marino per l’opera di assistenza agli sfollati, ai malati e ai bisognosi.

Notizie correlate
di Redazione   
di Simona Mulazzani   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna