mercoledì 23 gennaio 2019
In foto: Entra nella fase calda la protesta dei comitati sorti per osteggiare il progetto della metropolitana di costa.
di    
lettura: 1 minuto
lun 20 feb 2006 12:56 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Sabato sono state ribadite ancora una volta le ragioni del no nel corso di un incontro con la stampa nel quale è stato chiesto alle forze politiche di prendere posizione.
No al trc, no ad uno spreco inutile di risorse, il più consistente del dopoguerra peraltro nel settore della mobilità, che oltre a non risolvere i problemi del trasporto in Riviera ha l’aggravante di sottrarre soldi pubblici ad interventi più ben urgenti come l’adeguamento della statale 16 e la terza corsia dell’A14. In un momento in cui le finanze dell’Anas non bastano neanche a coprire le buche nelle strade. Lo affermano i comitati Rimini Città Unita, Comitato no Trc di Riccione, Viserba, Torre Pedrera e Bellaria, che hanno unito voce e impegno e nell’illustrare i contenuti delle osservazioni che presenteranno entro fine mese.
L’approvazione del progetto é prevista a marzo, ma i Comitati chiedono che l’iter sia fermato. In attesa della risposta, i Comitati affilano le armi per la battaglia: tra i capi d’accusa, il ritardo delle lettere d’esproprio e il capitolo sicurezza. Il progetto non risponderebbe infatti alle norme antisismiche.

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini
di Simona Mulazzani
Notizie correlate
di Redazione
VIDEO
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna