martedì 17 settembre 2019
menu
In foto: E' stata rinviata al 28 novembre l'udienza sulla morte del 'Pirata', stroncato da un'overdose di cocaina il 14 febbraio del 2004 all'hotel residence 'Le Rose' di Rimini.
di    
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
mer 19 ott 2005 19:18 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Il nuovo rinvio è stato disposto dal Giudice Giacomo Gasparini vista l’assenza in aula, per gravi impedimenti, del pubblico Ministero Paolo Gengarelli. Nell’udienza che si è tenuta oggi al tribunale di Rimini, tre dei cinque imputati hanno chiesto il patteggiamento.
Fabio Miradossa, l’ultimo fornitore di cocaina di Pantani, e Ciro Veneruso, che materialmente gliela consegnò, hanno chiesto di poter chiudere la vicenda patteggiando rispettivamente 4 anni e 10 mesi e 3 anni e 10 mesi di reclusione. 1 anno e 11 mesi è invece la richiesta di Alfonso Gerado Ramirez Cueva, il barman peruviano accusato di una cessione di droga precedente a quella fatale.
Spera invece di poter giocare le proprie carte davanti al tribunale Fabio Carlino, l’uomo accusato di aver fornito l’appoggio logistico agli spacciatori nel proprio appartamento riminese che distava poche centinaia di metri dal residence dove morì Pantani. Un processo ”a porte aperte” lo
vuole anche Elena Korovina, la ballerina russa ultima compagna di Marco Pantani, accusata di complicita’ con Cueva nella cessione di droga al Pirata. Tutte richieste che i legali hanno gia’ ”concordato” con la pubblica accusa ma su cui sarà il Giudice Gasparini a dire l’ultima parola.

Notizie correlate
di Redazione   
di Simona Mulazzani   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna