sabato 20 luglio 2019
menu
In foto: Potrebbe esserci un contatto con i sequestratori di Simona Pari e Simona Torretta: la possibilità trapela da ambienti dell'intelligence, secondo cui sarebbero stati individuati interlocutori. I servizi segreti italiani avrebbero la convinzione che le due volontarie rapite siano ancora vive.
di    
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
mer 22 set 2004 09:16 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Si tratta delle prime notizie in questo senso dopo due settimane, ma il riserbo continua ad essere strettissimo.

Gli uomini dei servizi segreti, grazie anche alla collaborazione con l’intelligence di altri Paesi, avrebbero prima individuato l’area di appartenenza del gruppo dei sequestratori e, pare, almeno un buon contatto in grado di ”interfacciarsi” con gli stessi rapitori.

Intanto ieri un importante segno di solidarietà per le due italiane é venuto da una piccola manifestazione in Iraq: con un’azione che non ha finora precedenti, i dignitari della città ribelle di Falluja si sono mobilitati per salvare Simona Pari e Simona Torretta. Ventitré tra sceicchi, capi tribù, docenti universitari, avvocati e leader religiosi si sono incontrati nel pomeriggio per decidere una strategia comune che possa contribuire a liberare le due volontarie italiane e i loro due colleghi iracheni rapiti.

Altre notizie
di Redazione
di Maurizio Ceccarini
"Piadina night" il 25 luglio

A Rimini arriva la Notte della Piadina

di Redazione
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna