domenica 20 gennaio 2019
In foto: Con le due rapine di lunedì scorso, una a Cattolica e una a Rimini, sono saliti a 18 i furti compiuti nelle banche della Provincia, due in più rispetto al 2003, per un aumento del 12%.
di    
lettura: 1 minuto
gio 19 ago 2004 13:36 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Il più colpito è stato il comune capoluogo, con ben 14 rapine, 5 in più rispetto all’anno scorso. Scendono a due (uno in meno rispetto al 2003) invece, i colpi ai bancomat, anche se l’unico a segno, quello allo sportello della Carim al centro commerciale Diamante di Cattolica l’11 gennaio, ha mandato letteralmente in fumo 40 mila euro, bruciati nell’esplosione, tanto quanto sottratto nelle tre rapine compiute nello stesso periodo dell’anno precedente. Una situazione preoccupante per la sezione provinciale di Rimini della federazione autonoma dei bancari italiani, che chiede agli istituti di credito più investimenti in sicurezza e videosorveglianza.

A rimetterci durante una rapina non è quasi mai l’istituto di credito, assicurato contro i furti; ma molto spesso per i cassieri allo sportello e i direttori delle filiali, costretti sotto minaccia a consegnare il bottino ai malviventi, rimangono i traumi.

La Fabi, dopo i due episodi di lunedì è tornata a chiedere un incontro con Prefetto e rappresentanti dell’ABI per impostare gli interventi per la prossima stagione. Attenzione puntata anche al periodo invernale, secondo le statistiche degli ultimi anni, una sorta di cartina tornasole di come sarà l’estate successiva.

Ascoltiamo Giuseppe Taddia, Segretario provinciale F.A.B.I. Rimini.

Altre notizie
di Redazione
VIDEO
di Redazione
VIDEO
di Redazione
Notizie correlate
I numeri forniti dalla Regione

Sanità. Nel 2018 936 assunzioni in Romagna

di Redazione
La Giunta adotta il nuovo piano urbano

Mobilità sostenibile, ecco come cambia la città

di Redazione
di Andrea Polazzi
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna