sabato 16 febbraio 2019
In foto: Una folta rappresentanza di bagnini riminesi aderenti al Sindacato Italiano Balneari si recherà mercoledì a Roma per manifestare contro l’aumento dei canoni demaniali marittimi. Ma il Governo non fa marcia indietro:
di    
lettura: 1 minuto
mar 28 ott 2003 18:52 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

oggi é arrivata la conferma che nel maxiemendamento presentato dal Governo al ‘decretone’ non c’é nulla che smentisca l’aumento del 300% dei canoni demaniali. La discussione parlamentare é in programma proprio domani, quando i bagnini saranno a Roma.
La protesta avrà il suo culmine con un corteo che da Piazza Venezia arriverà fin sotto il senato, dove una delegazione dei manifestanti chiederà di essere ricevuta dal presidente Marcello Pera.
“L’aumento dei canoni nella misura di oltre il 300% prevista dalla finanziaria 2004 è un durissimo colpo all’economia del settore balneare soprattutto in relazione alla generale diminuzione dei consumi, compreso il turismo, sui litorali” afferma Angelo Guido Menozzi, presidente provinciale del SIB.

Altre notizie
di Lamberto Abbati
Notizie correlate
di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna