Indietro
menu
Rimini

Aumentano copie vendute e fatturato del 'Corriere Romagna'

In foto: L'assemblea dei soci di Cega scarl, editrice del quotidiano 'Corriere Romagna', ha approvato all'unanimità il bilancio d'esercizio 2001 dopo il parere positivo del Consiglio d'amministrazione.
di    
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 31 mag 2002 17:59 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Nell’anno trascorso le copie vendute sono
cresciute del 5% sull’anno precedente (+8% al netto degli scioperi che avevano alzato le medie del 2000), mentre la raccolta di pubblicità locale è aumentata del 12,9%.
Il fatturato caratteristico è cresciuto del 10%, per un
totale di 15.204 milioni di lire. Dati in crescita anche nel primo quadrimestre dell’anno, oltre le previsioni, con le copie a +8% sui primi 4 mesi del 2001 e la pubblicità locale a +10%.
Sono poi in via di realizzazione nuovi progetti di service e
partnership commerciale che sul secondo semestre dell’anno porteranno a diversificare ed incrementare il fatturato. Nel 2001, sul fronte dei costi, ha inciso pesantemente l’aumento
generalizzato del prezzo della carta (+34% sull’anno precedente, 1.757 milioni di lire) e il minor risparmio rispetto alle stime sugli oneri finanziari.
Ma su entrambi i punti – spiega una nota dell’editrice – nel 2002 già si riscontrano
effetti positivi, visto che il prezzo della carta è ridisceso consentendo di fare una stima prudenziale di un -10% sullo scorso anno, ed è stata formalizzata un’operazione di
ristrutturazione finanziaria con un pool di istituti di credito che permetterà una sensibile diminuzione degli oneri rispetto al 2001.
Il costo del lavoro dipendente (61 in totale, di cui 40
giornalisti) è aumentato secondo le stime, a 4.237 milioni di lire, mentre le collaborazioni hanno pesato per 585 milioni di lire. Il volume d’indebitamento cala dell’ 11%, mentre il
patrimonio netto ammonta a 6.845 milioni di lire (con un capitale sociale stabile a 610 milioni di lire).
Il risultato d’esercizio 2001, dopo le imposte, chiude con un utile di 179 milioni di lire.