19 novembre 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

L’Euro non cambia più qui

Altro

23 giugno 2001, 14:55

in foto: Tra meno di 200 giorni ci sarà l'addio alla lira. Le Agenzie di Cambio sono le prime vittime di Eurolandia ARRIVA L’EURO, cambia tutto. Anzi, non si cambia più niente, o quasi. Le agenzie cambiavalute vivono con terrore l’arrivo la moneta unica europea: per loro sembra essere arrivato il capolinea. Per i cambiavalute veri e propri - una dozzina nella nostra provincia, prevalentemente estivi - il futuro è infatti tutt’altro che roseo.

“Chiuderemo, come tutti quelli che lavorano in prevalenza con le monete dell’Euro” afferma sconsolato il signor Angelini, titolare di un’agenzia di Marina Centro. “Se anche Blair deciderà di entrare nell’Euro, ci rimane da cambiare solo il franco svizzero”. “Noi lavoriamo al 90% con le monete europee. Come facciamo ad andare avanti?” fa eco la titolare di un’altra agenzia riminese. Stesso refrain cantano dall’agenzia Poli di Gatteo: questa, probabilmente, sarà l’ultima estate di attività. Un barlume di speranza viene da Riccione, dove i dollari degli sceicchi di passaggio – racconta l’impiegata di un ufficio cambi – possono ammortizzare in parte la perdita delle valute europee.

In alto i dollari

Coi dollari, quelli che tengono in mano i russi che sbarcano ancora in riviera, lavora anche la Maccorp Italiana, che gestisce l’ufÞcio cambi dell’aeroporto di Miramare. Va detto che la Maccorp non vive solo di cambi: in qualità di subagente della Western Union, svolge anche altre attività legate soprattutto a trasferimenti di denaro. E, oltre ai dollari, può contare anche sulle sterline: c’è però da mettere in conto il ‘rischio’ dell’ingresso della moneta britannica nell’Euro e c’è l’interrogativo sul futuro del collegamento Rimini-Londra dopo il divorzio con la Ryanair.

Qualcuno, prima di arrendersi, ha provato a darsi da fare: la più agguerrita è stata Catia SeraÞni, titolare di un’agenzia cambi di Misano Adriatico. La Serafini ha seguito la vicenda da quando, dopo il trattato di Maastricht, si decise che le agenzie di cambio potevano fare cambi e nient’altro. Un anno dopo è arrivato l’annuncio ufficiale della moneta unica europea, e sono stati lanciati i primi allarmi. Ma nessuno, a quanto pare, ha avuto più di tanto a cuore il futuro dei cambiavalute.

Il futuro è nero

In Parlamento c’è chi ha ipotizzato una riconversione o persino una rottamazione delle agenzie, ma la proposta non ha avuto seguito. “Ho scritto diverse e-mail ad enti e organismi italiani ed europei, ma in pochi hanno risposto”. E le risposte arrivate sono di quelle che fanno cadere le braccia: la Camera di Commercio ha ribadito che le agenzie non possono svolgere attività diverse dal cambio; ancora più beffarda è stata la risposta dell’Unione Italiana Cambi: “Potete continuare a cambiare le monete che non fanno parte dell’Euro”. Ma con quelle – commenta laconica Catia Serafini- non ci si paga neanche l’affitto dell’ufficio. Esiste anche un’Associazione Italiana Cambi, che però non pare conti un granché: la Serafini ha partecipato due anni fa ad un congresso, ma i partecipanti si contavano sulle dita delle mani. Sempre che il detto ‘mal comune mezzo gaudio’ abbia una sua validità in questi casi, nel loro tramonto ai cambiavalute della nostra Riviera non mancherà la compagnia: nelle zone di frontiera, come il versante francese, la situazione è la stessa. A meno di colpi di scena dell’ultimo minuto, a molte agenzie di cambio non resta quindi che prepararsi a chiudere i battenti. Per passare alla storia come le prime vittime della moneta unica.

Maurizio Ceccarini

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454