11 December 2017

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

Rimini Solidale Onlus dona all’Infermi apparecchiatura per Tin e ostetricia

in foto: L'apparecchiatura donata da Rimini Solidale Onlus

Inaugurato questa mattina il “Sistema di Simulazione Avanzata ad Alta Fedeltà” per la formazione degli operatori nella gestione delle emergenze neonatali e materne. Il sistema tecnologico, donato dall’Associazione Rimini Solidale Onlus è un kit di manichini meccanici all’avanguardia e in grado di simulare molto fedelmente il comportamento del corpo umano.

Si tratta di due manichini di neonati e del manichino di una donna gravida, collegati attraverso sensori alle consolle, dove gli allievi possono verificare l’esatta esecuzione, da parte loro, delle manovre. A completare l’opera, il lavoro dell’unità operativa di Ingegneria Clinica dell’Ausl Romagna (diretta dall’ingegner Roberto Camillini), per l’installazione delle delicate apparecchiature e l’attivazione delle aule.

Presenti l’assessore del Comune di Rimini Roberta Frisoni; il presidente e vicepresidente della Rimini Solidale onlus Maurizio Focchi e Micaela Dionigi, il direttore medico dell’Ospedale Romeo Giannei, il direttore del settore Acquisizione beni e servizi dell’Ausl Paola Lombardini (in rappresentanza della Direzione Generale), il primario della Terapia Intensiva Neonatale e responsabile delle nuove aule formative Gina Ancora, la dottoressa Di Ambrosio dell’Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale.

Le donazioni effettuate dalla Rimini Solidale negli ultimi dieci anni: la tac multistrato (2008), mammografo mobile (2011), laser confocale per la dermatologia (2013), mammografo digitale per la senologia ospedaliera (2015), per un valore di circa due milioni di euro. Presidente e vice hanno infine annunciato che comunque la solidarietà della onlus non si ferma qui: è già al lavoro per un nuovo ecografo sempre per la Tin.

Ad illustrare nel dettaglio le apparecchiature, anche dopo il taglio del nastro, la dottoressa Gina Ancora: “Quando ci troviamo ad intervenire su un’emergenza neonatale non c’è il tempo per incertezze e la pressione è molto forte. E ancora, quando ci si trova davanti al caso pratico, non è così automatico applicare freddamente quello che, in teoria, si conosce perfettamente. Questo nuovo sistema di simulazione e formazione ci consente di simulare prima tutte le emergenze con una estrema verosimiglianza, e quindi di arrivare più preparati. Anche la fase di debrifing, dopo la parte pratica, consente agli allievi di capire bene quello che può essere migliorato in chiave futura”.

All’ospedale vi sono ogni anno circa 2.800 parti mentre i bimbi curati presso la Tin di Rimini, nati con peso compreso tra 325 grammi e un chilo e mezzo sono stati circa trecento negli ultimi cinque anni.

Lucia Renati

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454